Melvins – Chicken Switch

di Manfred Rur Commenta

Tornano i grandi Melvins, abbiamo perso il conto dei loro dischi e fra pietre miliari della musica e lavori discutibili il gruppo di Buzz Osborne alias King Buzzo ci tiene compagnia da quasi vent’anni. Originari di Seattle ed inventori della scena grunge i Melvins hanno inserito nella storia della musica il loro sound cupo e trascinato, una ricerca del brutto e dell’esasperato con annessa visione allucinogena. E questo Chicken Switch è terribilmente allucinato! Suoni distorti e acidi, noise all’ennesima potenza. Incredibile la track Hard Revenge VS. the Melvins Ozmatized Gore Police da delirio. Marziale e misteriosa Prick Concrete Revolution M una specie di mantra oscuro. Si sfiora il doom ed in certi casi il death metal con She Chokes Her Dying Breath and Soes It In My Face. Ma tra i vari episodi del disco c’è anche posto per l’experimental electronica mista al metal di Linkshänder (Remix by Matmos). Che dire, gran disco, per stomaci forti e per chi è in cerca di sperimentazioni pure. Acidissimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>