Jake e Dinos Chapman al Museo Pino Pascali

 
Micol Di Veroli
20 giugno 2010
Commenta

Jake and Dinos Chapman 450x270 Jake e Dinos Chapman al Museo Pino Pascali

Al Museo Pino Pascali a Polignano, la prima mostra personale in assoluto in Italia in uno spazio istituzionale dei Chapman Brothers vincitori del Premio Pino Pascali 2010. Gli artisti esporranno opere storiche degli anni ’90: le famosissime e inquietanti sculture delle bambine-siamesi della serie ‘Mannequins’. I due creeranno un ambiente site-specific di forte impatto emotivo. In mostra ci saranno anche le ultime sculture ‘africane’ del ciclo ‘Shamanov Sculptures’ ed altre in bronzo.

I fratelli Chapman, Jake (1966) e Dinos (1962), appartengono alla Young British Art: la generazione di artisti inglesi lanciata a livello planetario con la celebre mostra SENSATION del 1997 alla Royal Academy of Arts di Londra. Dopo quell’evento il loro successo è stato inarrestabile. Si sono susseguite mostre nei principali musei del mondo, dalla Tate Britain di Londra al PS1 di New York e partecipazioni alle Biennali di Venezia, Sidney ecc. In Italia, la loro installazione Fucking Hell (2008) è esposta al Palazzo Grassi di Venezia nella collezione di Francois Pinault.La Commissione del Premio Pino Pascali composta dalla Direttrice della Fondazione Pascali Rosalba Branà, da Pietro Marino, critico d’arte Carlo Berardi, curatore della mostra a Polignano ha così motivato la scelta: “I Fratelli Chapman hanno saputo infondere al linguaggio dell’arte contemporanea una nuova vitalità estetica sospesa tra tragica bellezza e cruda verità; trasferendo sul piano simbolico l’irrazionalità della vita e della morte, hanno messo a nudo la falsa coscienza del tempo e i turbamenti dell’animo umano”.

Jake e Dinos Chapman smascherano l’ipocrisia contemporanea della storia, della guerra, delle religioni, del corpo e dell’Eros. Tutto finisce nel tritacarne apocalittico dei due artisti inglesi. Maniacale la ricostruzione di ogni dettaglio, agghiaccianti le scene ricostruite in modellini delle orge delle SS, i riferimenti espliciti alle le guerre di sterminio etniche. Al centro della poetica simbolica dei Chapman vi è il massacro dell’essere umano portato contro la sua stessa umanità e quella degli altri. La loro ironia è scioccante, devastante per chi osserva le installazioni di scheletri, teschi, corpi mutilati e violentati di uomini donne e bambini. Le opere dei Chapman entrano nello spettatore con la forza di un’arma che lascia ferite profonde nella coscienza collettiva. Si può affermare che nessuno meglio di loro conosce i lati più oscuri dell’animo umano e le tenebre che hanno travolto l’Europa. I fratelli Chapman altro non fanno che trasferire sul piano simbolico dell’arte ciò che accade quotidianamente in varie parti del mondo, con una macabra ironia che serve ad alleggerire il peso della tragicità e portarla verso il grottesco, poiché anche la tragedia può avere risvolti comici e un’irresistibile ironia. Molti i riferimenti e le citazioni dalla Storia dell’Arte, dalle Danze Macabre del Medio Evo all’opulenza esasperata del Barocco. Punto di riferimento è Goya con le sue incisioni sui Disastri della guerra (1810-1820) che gli artisti inglesi rielaborano in modo del tutto personale.

Articoli Correlati
YARPP
Siamo spiacenti ma al momento non esistono articoli correlati per Jake e Dinos Chapman al Museo Pino Pascali.
Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento