30 buoni motivi per amare l’arte contemporanea made in Italy

 
Micol Di Veroli
14 dicembre 2010
Commenta

franco mazzucchelli 450x450 30 buoni motivi per amare l’arte contemporanea made in Italy

Commenti nei blogs, articoli sui giornali, chiacchiere tra addetti ai lavori. Tutti contro l’arte contemporanea italiana, tutti pronti a ribadire la lentezza e la vetusta natura del nostro sistema. Eppure amici miei, esistono universi tutti italiani che ci fanno venir voglia amare l’intera manifestazione creativa nazionale. Parliamo di eventi, artisti, istituzioni e quanto altro che persino all’estero ci invidiano e non hanno nulla da invidiare alla più blasonate superpotenze dell’arte. Non ci credete? Ecco 30 buoni motivi per essere fieri della scena dell’arte contemporanea italiana:

1 Le sperimentazioni sonore di Luigi Russolo e quelle di Giacinto Scelsi.
2 Marinetti, Boccioni ed il Futurismo.
3 I tagli di Fontana e i decollage di Rotella
4 La verifica incerta di Grifi e Baruchello
5 L’Art to Abandon di Franco Mazzucchelli
6 La Transavanguardia (costruita o non) di Bonito Oliva che conquista gli U.S.A.
7 Mario Schifano e tutta la Scuola di Piazza del Popolo
8 L’arte emergente che lotta contro tutto e tutti9 I curatori indipendenti che lavorano con coscienza
10 La Biennale di Venezia
11 Fabio Mauri contro gli orrori del Nazismo
12 Gino De Dominicis contro la morte
13 Giorgio de Chirico e gli enigmi metafisici
14 Germano Celant e tutti quelli dell’Arte Povera
15 L’attico di Fabio Sargentini ed i cavalli di Kounellis

16 Lo Studio Morra di Napoli e Rhythm 0 di Marina Abramovic
17 La merda di Manzoni e gli specchi di Pistoletto
18 Blu, Ericailcane, Sten & Lex e tutti quelli della spaghetti street art
19 La critica seria
20 Il MAXXI di Zaha Hadid
21 Le provocazioni di Cattelan
22 Studio Azzurro e la video arte italiana
23 Francesco Bonami e la mostra Italics
24 Terremoto in Palazzo di Beuys alla Modern Art Agency di Napoli
25 Bruno Munari tra arte e design
26 La Fondazione Prada
27 Massimiliano Gioni al New Museum ed alla Gwangju Biennale
28 Il Festival dei Due Mondi di Spoleto con Alexander Calder, Christo e Jeanne-Claude
29 Giuseppe Panza di Biumo che finanzia James Turrell
30 Gian Enzo Sperone alla conquista di New York

Articoli Correlati
YARPP
Siamo spiacenti ma al momento non esistono articoli correlati per 30 buoni motivi per amare l’arte contemporanea made in Italy.
Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento