Annu Palakunnathu Matthew alla Z2O Galleria | Sara Zanin di Roma

di Micol Di Veroli 1

La Z2O Galleria | Sara Zanin presenta la prima personale italiana dell’artista indiana Annu Palakunnathu Matthew (India 1964) con un allestimento specificatamente pensato e realizzato dalla curatrice Maria Teresa Capacchione per la galleria di Sara Zanin.

Quello di Annu Matthew è un lavoro fotografico che mette al centro i rapporti sociali che derivano dalla sovrapposizione e dall’intreccio di storie e culture molto diverse fra loro. Ricerca le cui radici affondano nella vita stessa della Matthew che, nata in India, ha sempre vissuto tra il suo Paese, l’Inghilterra e gli Stati Uniti  dove attualmente risiede. La mostra presenta sette opere di cui sei appartengono alla serie “Re-Generation” (il suo ultimo lavoro che dà il titolo alla mostra) e una alla serie “The Virtual Immigrant”. “Re-Generation” è una ricerca che l’artista sta portando avanti dal 2008 e che si sviluppa intorno al concetto di memoria espressa dagli album di famiglia a cui ancora e sempre – da quando esiste la fotografia – affidiamo la nostra storia. Sono loro infatti che raccontano il nostro passato, danno conforto al nostro presente e rassicurano il nostro futuro: forse è per questo che si assomigliano un po’ in tutto il mondo. Ritraggono uomini, donne, bambini, genitori e figli, nonni e nipoti, fratelli e sorelle, sempre nelle stesse pose. Sorridenti o solenni, tutti ostentano felicità, sicurezza, appagamento. Ma le storie che si nascondono dietro quelle pose, quei sorrisi, sono spesso complesse e tormentate.

Le fotografie degli album di famiglia, sovrapposte e montate in lenta sequenza, formano un video che fonde le immagini del passato con quelle del presente in un ciclo continuo che non ha un inizio e non ha una fine.  La ricerca della Matthew è partita dalla sua terra d’origine, l’India, per poi allargarsi al Vietnam e ad Israele. Senza per questo esaurirsi qui, perché quello sulla memoria è un lavoro che ha in ogni angolo del mondo qualcosa da raccontare. A questo proposito, la mostra a Roma rappresenta per la Matthew anche un’occasione per sviluppare la sua ricerca all’interno delle famiglie italiane.

Ad accogliere il visitatore all’ingresso della galleria invece, una fotografia lenticolare (tecnica di stampa  grazie alla quale l’immagine cambia a seconda dell’angolazione da cui viene vista) a dimensioni naturali della serie “The Virtual Immigrant”, un lavoro socio-politico che racconta le trasformazioni della società attraverso le storie di giovani indiani che lavorano nei call center del loro Paese. Spesso le aziende da cui vengono assunti sono americane e come americani è richiesto loro di comportarsi quando rispondono alle telefonate dei clienti, assumendo persino l’accento dello stato americano in cui l’azienda risiede. Questo fa di loro degli “americani di giorno”, degli immigrati virtuali che vestono all’occidentale durante le ore di lavoro e che indossano i loro vestiti tradizionali nel tempo libero. Ed il vivere tra due culture è uno dei temi  particolarmente cari ad Annu Matthew che, appunto, tra più culture è nata e cresciuta. Oltre alla fotografia, l’installazione comprende anche l’audio con i racconti delle persone che l’artista ha fotografato: l’uso del sonoro e del lenticolare come simboli dell’impatto della globalizzazione sulla vita delle persone.

L’artista sarà presente all’inaugurazione.

Annu Palakunnathu Matthew (India 1964) è professoressa di Arte (Fotografia) presso l’University of Rhode Island a Kingston, Rhode Island e le sue gallerie di riferimento sono Sepia Eye, New York City e Tasveer Gallery, India. Tra le sue più importanti mostre si segnalano Sepia International, New York City, il RISD Museum, Newark Art Museum, Newark, NJ, 2009 Guangzhou Biennial of Photography, Cina, 2006 Noorderlicht Photo Festival in Olanda e Le Mois de la Photo à Montréal Photo Biennale in Canada nel 2005. I lavori di Annu Matthew sono pubblicati nel libro BLINK, Phaidon Edizioni – che celebra la qualità dei 100 più importanti fotografi internazionali contemporanei – e nei volumi di prossima pubblicazione The Digital Eye di Sylvia Wolf e Self- Portraits di Susan Bright.

Scheda informativa

Z2O Galleria | Sara Zanin
Mostra: Annu Palakunnathu Matthew, Re-Generations
A cura di: Maria Teresa Capacchione
Inaugurazione: martedì 20 settembre 2011 ore 18,30
Sede: Via dei Querceti 6, 00184 Roma
Durata mostra: 20 settembre  – 20 ottobre 2011
Orari: da lunedì a sabato 15.00 – 19.30 (o su appuntamento)
Ingresso libero
Per ulteriori informazioni:  Tel.: +39 06 704 522 61
[email protected]; www.z2ogalleria.it

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>