Mamma posso comprarmi la mostra?

di Micol Di Veroli Commenta

gallerie

Globartmag è sempre alla ricerca di notizie con opportunità espositive dedicate ai giovani artisti alle prime esperienze, sin dai nostri primi articoli abbiamo selezionato per voi concorsi, festival e quanto altro ritenevamo più consono alle vostre esigenze ed affidabile sul piano della serietà d’intenti.

A questo punto molti lettori hanno scritto in redazione chiedendoci di stilare una lista di gallerie disposte ad esporre opere di artisti alla loro prima mostra, portando esempi di numerosi spazi espositivi nazionali ed internazionali che organizzano eventi in cambio di un contributo in denaro. In merito alla lista si potrebbe senza ombra di dubbio affermare che di gallerie disposte a promuovere arte emergente ve ne sono a centinaia. Ovviamente bisogna cercare, muoversi, presentarsi e soprattutto presentare in maniera professionale qualcosa di veramente interessante, inutile lamentarsi di ricevere troppi “le faremo sapere” o  “abbiamo la programmazione piena fino al prossimo anno” se si creano opere scolastiche, prive del benché minimo carattere estetico o sperimentale. Bisogna documentarsi, osservare e creare uno stile personale in grado di possedere la giusta tensione drammatica con la dovuta dose di spessore filosofico e formale. Insomma creare l’opera giusta in grado di affascinare lo spettatore o il gallerista di turno non è cosa facile, se si riesce in questo intento la tanto agognata mostra prima o poi si paleserà.

Un discorso a parte va invece fatto per le gallerie a pagamento. Il vero problema è rappresentato da un sempre più crescente numero artisti privi di autocritica che si intestardiscono a voler esporre il proprio lavoro ad ogni costo anche se questo è visibilmente debole. Per coronare i sogni di gloria di questa larga fetta di popolazione artistica esistono, come accennato in precedenza, numerose gallerie che chiedono soldi in cambio di mostre della durata di venti giorni circa con cataloghi e quanto altro. Ovviamente se ciò basta a soddisfare il vostro amor proprio potete sempre affidarvi ai loro servigi, tutto sommato queste gallerie sono simili in tutto e per tutto alle case editrici che pubblicano libri a pagamento ed in sostanza non fanno altro che offrirvi un servizio. Sappiate però che queste gallerie non fanno parte di nessun circuito artistico d’eccellenza e generalmente non si impegnano molto a vendere le vostre opere poiché in pratica il loro lavoro si esaurisce con l’organizzazione dell’evento.

Insomma comprerete la vostra mostra ma si tratterà di un evento effimero che nella maggior parte dei casi non vi porterà da nessuna parte e che a buon bisogno farà storcere il naso a molti dei quali guarderanno il vostro curriculum. Per cui se create arte per diletto non fatevi tentare troppo dalla vanità e dalla vanagloria e continuate a farlo senza pretese, se l’arte rappresenta invece il fulcro della vostra vita allora prima impegnatevi seriamente sulle vostre opere invece di pensare subito ad esporre, le mostre semmai arriveranno dopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>