Chi critica la critica?

di Micol Di Veroli Commenta

A volte la critica si sbaglia e quando lo fa, prende delle cantonate assurde. Anzi, la frase più corretta sarebbe questa: la critica si sbaglia. Si sbaglia nel suo buonismo ma anche nel suo voler per forza stroncare opere ed artisti che in seguito riescono a sovvertire il risultato, portando a casa la vittoria finale. Ecco quindi che Vincent Van Gogh è un volgare imbrattatele, Marcel Duchamp un ridanciano buffone, Maurizio Cattelan un burlone e Damien Hirst un venditore di squali in salamoia. Alla fine dei giochi però, questi nomi sono entrati di diritto in tutti i libri di storia dell’arte. Anzi, parlando di Hirst,  proprio in questi ultimi giorni il pubblico, accorso a frotte alla Tate Modern di Londra, lo ha definitivamente consacrato (se ancora ne sentivamo il bisogno) come uno degli artisti più amati del mondo.  Pubblico e critica non sempre vanno d’accordo, è vero, ma a volte ci sembra che la critica si voglia rendere forzatamente impopolare. La critica non ha certo l’obbligo di essere obiettiva ma non ha nemmeno quello di essere onnisciente/onnipotente. A volte bisognerebbe imparare a “sentire” l’arte e non solo buttar giù veleno per farsi pubblicità, anche perché tutti ricordano una stroncatura ma nessuno si cura delle centinaia di lodi e questo i nostri amici critici lo sanno bene. Ovviamente i nostri artisti ed i nostri galleristi possono dormire sonni tranquilli, la moda della stroncatura dalle nostre parti non esiste. La critica negativa è roba da Jerry Saltz, Roberta Smith, Jonathan Jones e compagnia cantante. In Italia nessuno si sognerebbe mai di andar contro il proprio circoletto di amicizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>