Su Blackwell e le storie di carta

di Redazione 1

Spread the love

 Forse il nome Su Blackwell non vi dirà nulla di particolare ma il suo stile del tutto particolare sicuramente non tarderà a fare breccia sulla scena internazionale. Le visionarie opere dell’artista inglese sono ricavate da vecchi libri di seconda mano che vengono successivamente intagliati in maniera particolarmente accurata, l’intero processo richiede mesi ma alla fine il risultato è a dir poco sbalorditivo.

Su Blackwell trae diretta ispirazione da un paragrafo o un’immagine del libro che ha intenzione di trasformare in un fantastico modello di carta. Il finissimo lavoro di cesellatura e taglio della carta attuato dall’artista trentatreenne da vita a forme che nascono e crescono direttamente dal midollo delle pagine del libro come una formazione naturale e spontanea dotata di tre dimensioni. Come già detto l’ispirazione nasce dal libro stesso, ad esempio la sua opera Through the looking Glass è intagliata dall’omonimo libro di Lewis Carroll mentre Wild Flowers è una creazione direttamente tratta da un manuale di fiori selvatici del territorio britannico.  L’artista ha inoltre prodotto alcuni intricati modelli tratti dalle fiabe di Hans Christian Andersen ricreando alcuni edifici con l’ausilio di una guida turistica. Su Blackwell è inoltre un’avida lettrice ed il suo studio di Londra è zeppo di centinaia di libri da leggere e considerare per le nuove opere, ovviamente solo una minima parte di essi saranno in futuro usati per intenti creativi.

“Scandaglio negozi di libri di seconda mano e molte volte mi capita di passare ore ed ore alla ricerca di un libro. La scelta di un particolare libro dipende dalle sensazioni che esso riesce a trasmettermi attraverso le sue illustrazioni o le sue parole” afferma Su Blackwells che ha iniziato a creare arte con oggetti e vestiti usati trovati per casa ma ha successivamente orientato la sua ricerca sui libri dopo un viaggio nell’est ed in particolare in Tailandia. In quell’occasione l’artista ha notato che la carta era usata per cerimonie spirituali assumendo forme e consistenze diverse da quelle originali, da quel momento Su Blackwell non ha mai smesso di creare nuove storie all’interno dei suoi libri.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>