I Martedì Critici, dibattiti aperti per capire l’arte contemporanea

di Redazione Commenta

Spread the love

Martedì 16 febbraio 2010 dalle 19:00 alle 23:00 Alberto Dambruoso e Micol Di Veroli presentano una nuova serie di appuntamenti artistici in via Carlo Botta, 28 a Roma dove la visione critica diventa una parte fondante insieme a quella dell’artista nella definizione dell’opera esposta.

I martedì critici sono degli eventi unici che si svilupperanno nel corso di una serata e prenderanno vita nello spazio-studio di un critico d’arte. Un contenitore alternativo rispetto alle gallerie, dove non si intende fare mercato bensì apportare una lettura, stimolare delle riflessioni, aprire un dibattito attraverso la presenza attiva degli attori che danno vita all’arte creando così di volta in volta una piattaforma liberamente aperta al pubblico. L’intento è quello di spiegare, documentare, rendere note le poetiche e le direzioni di ricerca degli artisti invitati.I martedì critici vogliono porsi come l’inizio di una nuova stagione di confronto, di sperimentazione e di creatività, il tutto riunito sotto l’egida di un punto d’osservazione squisitamente soggettivo. La serie di incontri avrà una cadenza settimanale ed ogni mese verrà aggiornato il calendario espositivo.

Il primo appuntamento prevede la presenza di Luana Perilli che presenterà il lavoro Sì dolce è il tormento. Il video, in parte realizzato negli spazi che ospitano l’evento, si avvale della tecnica stop&motion per analizzare la molteplice identità degli oggetti domestici sottoposti ad un ricollocamento continuo, ad una traslazione che cambia l’identità stessa dell’ambiente che li ospita.

A seguire il 23 febbraio sarà la volta di Maurizio Donzelli mentre il 2 marzo toccherà a Francesco Cervelli e il 9 marzo a Cesare Tacchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>