Nina Fischer & Maroan el Sani – Impero dei segni

di Micol Di Veroli Commenta

Lunedì 21 febbraio 2011, dalle ore 18.00, la Galleria Marie-Laure Fleisch presenta per la prima volta in Italia il lavoro degli artisti tedeschi Nina Fischer & Maroan el Sani. Saranno esposte per l’occasione otto fotografie di grande formato accompagnate da disegni e bozzetti che testimoniano la nascita, l’evolversi e lo svolgimento del loro progetto che ha avuto luogo al Palazzo dei Congressi di Roma.

In galleria verrà inoltre proiettato il film in HD, dall’omonimo titolo Impero dei Segni, creato dagli artisti durante le fasi di realizzazione del progetto espositivo. La mostra sarà preceduta da un talk con gli artisti che si terrà all’Auditorium del MAXXI di Roma, sabato 19 febbraio 2011 alle ore 17.00. Farà da moderatore Ludovico Pratesi.L’opera di Nina Fischer & Maroan el Sani si concentra sugli spazi di transizione e sulle situazioni di vuoto negli ambienti urbani, sulla memoria e sulla visione collettiva, avvalendosi di diversi mezzi espressivi quali film, video, installazione e fotografia. La loro riflessione critica si volge all’ascesa e alla caduta della modernità e in particolare al rapporto intenso e inquietante fra la nostra società attuale e i progetti utopici che hanno guidato la nostra evoluzione storica, dal passato verso il futuro. La loro opera si pone costantemente all’insegna della ricerca e del dibattito sulle transizioni legate al passaggio del tempo. Nina Fischer & Maroan el Sani sono interessati all’esplorazione delle tracce storiche legate ai punti di riferimento urbani che incarnano tali transizioni. Diversi luoghi che un tempo costituivano punti di riferimento, come centri di cultura politica, di arte d’avanguardia e di sviluppo sociale sono divenuti poco più che punti morti nella società contemporanea. Gli artisti intendono restituirli alla coscienza odierna: non più utopici né obsoleti, ma ancora da ridefinire.

Nel Palazzo dei Congressi, simbolo della Roma imperiale, Nina Fischer & Maroan el Sani in collaborazione con un gruppo di cittadini hanno messo in scena un’azione comunicativa. Tramite il linguaggio dei segni, del corpo e dei gesti, le persone chiamate a partecipare si sono riappropriate temporaneamente di questo spazio rigorosamente vuoto, nel tentativo di definire nuovamente l’identità della città in cui vivono. L’attenzione degli artisti si è focalizzata soprattutto sul contrasto tra la comunicazione non verbale delle persone e il linguaggio silente di un’architettura fascista. Interazione che porta ad un forte stato di tensione e si risolve nel lavoro fotografico degli artisti presentato in galleria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>