Tutti al MAXXI per un Pic Nic soprannaturale

di Redazione Commenta

Spread the love


Partire dall’imponente Museo concepito da Zaha Hadid, interrogarsi sul modo in cui plasticamente può offrirsi al transito e alla sosta, alla visione, al tatto, all’udito, all’olfatto, al gusto, esperendolo da fuori. Trarre ispirazione dal tema in corso di DROME (supernatural) e da quello che verrà (catastrophe), per un simbolico passaggio di staffetta che è anche un ultimo saluto all’Estate. Interpellare anche le arti decorative e performative. Tutto questo per dar vita ad uno straordinario momento condiviso di pausa, riparo, convivio, spettacolo, festa, scoperta, stupore. Un’azione all’insegna dell’arte partecipata.

Questa la sfida di DROME magazine – che da sette anni esce liberamente dalle proprie pagine per dialogare artisticamente con le città -, che si traduce nell’organizzazione di un vero e proprio Pic Nic. Come non se ne fanno più, e come non se ne faranno più. Perché il luogo deputato all’artistico “bivacco”, previsto Sabato primo Ottobre 2011, dal pomeriggio fino a tarda sera, è poeticamente temporaneo: un mobile arcipelago di isole verdi con tanto di specchio d’acqua e enormi fiori rossi, che di giorno regalano ombra ai visitatori e la sera si illuminano. La suggestiva installazione del Museo MAXXI si chiama WHATAMI, e oltre ad essere la cornice ideale per questo speciale momento d’incontro, è il contenitore architettonico con cui lo studio romano stARTT ha vinto la prima edizione italiana del concorso YAP – Young Architects Program, rivolto ad architetti emergenti, nato dalla collaborazione tra il MAXXI, il MoMA e il MoMA PS1 di New York. Un’invasione creativa degli spazi esterni del MAXXI, appunto, e per la quale si prevedono contributi eccellenti. Il primo che possiamo rivelarvi è di Francesco Simeti, che produrrà un intervento visivo appositamente concepito.

L’artista visivo Francesco Simeti (Palermo, 1968) vive e lavora tra Brooklyn, New York, e Palermo. Ha creato installazioni site specific per il MACRO a Roma, il Risd Museum a Providence, Art & Idea Gallery a Città del Messico, la Columbia University di New York e il marchio di design Moroso. Ha esposto in numerosi musei e spazi pubblici e privati del panorama internazionale, tra cui la Galleria d’Arte Moderna di Bologna, il Mu.dac – Musée de Design et d’Arts Appliqués Contemporains di Losanna, l’Institute of Contemporary Art di Philadelphia e il Palazzo Riso a Palermo. Una selezione dei suoi wallpaper fa parte della collezione del Smithsonian Cooper Hewitt, del National Museum of Design di New York, del Victoria and Albert Museum a Londra e del The Fabric Workshop and Museum di Philadelphia. Attualmente è impegnato in diversi progetti di arte pubblica permanente a New York. In Italia è rappresentato dalla Galleria Francesca Minini di Milano e dalla Galleria Francesco Pantaleone di Palermo. Per DROME e il suo evento al Museo MAXXI, ha concepito un motivo ad hoc, ispirato ad una catastrofe soprannaturale che, con il contributo della Ditta Bonotto, si farà magicamente tessuto per pic nic.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>