I migliori film del 2012 – parte II

di Micol Di Veroli Commenta

Continua la nostra breve rassegna dei films più belli del 2012, sempre a nostro dire:

Amour di Michael Haneke declino e vecchiaia visti dagli occhi freddi di un regista che ha già abituato il suo pubblico alle crudezze della vita. Capolavoro di sguardi e tenerezze che illustrano la difficoltà dell’esperienza umana.

 C’era una volta in Anatolia di Nuri  Bilge Ceylan, un assassino conduce la polizia con sul luogo dove ha nascosto il corpo di una vittima. L’assassino purtroppo non ricorda o non vuole ricordare tutti gli indizi e quindi la ricerca si fa lunga, Piccolo gioiello di un cinema di altri tempi.

Monrise Kingdom di Wes Anderson, piccolo capolavoro con fuga d’amore e slalom tra paesaggi bucolici, signori delle mosche, fiabe e boyscout. Cast d’eccezione e pensieri poetici di bambini/adulti trasognati ma certi delle loro emozioni.

Il ragazzo con la bicicletta di Jean-Pierre e Luc Dardenne. Adolescenti abbandonati, rabbia e paura di amare. Bellissimo film che gira attorno ad una storia semplice ma al tempo stesso dura e profonda.

Holy Motors di Leos Carax, ventiquattro ore nella vita di un uomo che cambia continuamente identità: da padre di famiglia a uomo d’affari a mostro. Tra maschere e filosofia surreale si scava a fondo nei meandri della mente umana, con un pizzico di postmodernismo che non guasta mai.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>