Invito a Palazzo 2019, alla scoperta dell’arte e della storia nelle banche

di Fabiana Commenta

I palazzi storici delle banche italiane aprono gratuitamente le loro porte ai visitatori. L’appuntamento è fissato per sabato 5 ottobre con Invito a Palazzo 2019, la XVIII Edizione delle giornate ABI. 

Nel corso della giornata, dalle ore 10 alle ore 19, l’evento promosso da ABI in collaborazione con ACRI, offre la possibilità di poter visitare i palazzi storici delle banche che generalmente sono chiusi al pubblico. E del tutto gratuitamente. 

Invito a Palazzo, l’evento ABI

Partecipano all’edizione 2019 di Invito a Palazzo, i palazzi storici delle Banche che operano in Italia e delle Fondazioni di origine bancaria che aprono per l’occasione porte delle proprie sedi storiche, patrimonio artistico nazionale e degli edifici più recenti che sono stati commissionati ai più celebri architetti contemporanei.

La giornata rappresenta un’opportunità straordinaria per il grande pubblico di poter visitare e di poter conoscere la sterminata bellezza del patrimonio artistico delle fondazioni bancarie. Occasione unica anche per capire quale sia il costante impegno delle banche per riuscire a  conservare questo inestimabile patrimonio di cui sono proprietarie. 

 

Invito a Palazzo, eventi e iniziative

L’ingresso è nei palazzi che aderiscono alla giornata, è libero ed è gratuito, ma non solo: ogni ingresso viene arricchito da mostre, laboratori e concerti. I visitatori saranno anche accompagnati da guide specializzate le provo sono veramente molte anche se in alcuni casi è necessario effettuar la prenotazione.  

Le Banche e le Fondazioni organizzano per l’occasione anche visite guidate che si avvalgono della collaborazione degli studenti delle scuole superiori.  

Quando si arriva a diciotto edizioni della stessa manifestazione, si può affermare che l’idea è buona e il risultato è apprezzato. Invito a Palazzo rappresenta un giorno di festa della cultura, in cui vengono messi al centro la passione e l’impegno con cui tutti ci adoperiamo per rendere migliore il tempo e il luogo in cui viviamo. Rendere accessibili luoghi che vengono conservati con sensibilità culturali e passione civile e sociale anche quando sarebbe economicamente più conveniente abbandonare le “storiche“ sedi e trasferirsi in nuove. Questa iniziativa rappresenta un’occasione per valorizzare un significativo patrimonio storico e artistico.

è stato il commento del presidente dell’Abi Antonio Patuelli.

I palazzi aderenti all’iniziativa

All’edizione 2019 partecipano 100 palazzi, inclusa sede centrale della Banca d’Italia a Roma, Palazzo Koch, 70 di 24 banche, e 30 di 30 fondazioni di origine bancaria in 62 città su tutto il territorio nazionale e sono 5 le sedi che aprono le proprie porte al pubblico per la prima volta.

Fra gli istituti bancari che partecipano, ci sono UniCredit che apre le porte a Torre UniCredit di Milano, Palazzo Magnani di Bologna, Palazzo De Carolis a Roma o il Palazzo Branciforte di Palermo.

Banca Monte dei Paschi che aprirà al pubblico tre sedi, Palazzo Salimbeni a Siena, Palazzo Strozzi a Mantova e Palazzo dei Montivecchi a Padova.

Intesa Sanpaolo apre Gallerie d’Italia, Palazzo Zevallos Stigliano a Napoli, il Palazzo di Residenza di Bologna, il Palazzo del Monte di Pietà di Udine. 

Per conoscere nel dettaglio i palazzi che posso essere visitati nell’arco della giornata del 5 ottobre, è possibile visitare la pagina del Mibac (qui) o dell’Abi (qui).

photo credits | palazzi.abi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>