Gestures. Women in action, la body art al femminile tra anni 60 e 70

di Sara Commenta

Fino al 10 Aprile Merano Arte ospita una mostra molto speciale negli spazi della Cassa di Risparmio: si intitola Gestures. Women in action e racconta la body art al femminile attraverso le produzioni di artiste a cavallo tra i decenni Sessanta e Settanta.

Gestures. Women in action

Il progetto nasce in collaborazione con The Cultural Broker e 123 Art ed esplora l’arte del dipingere il corpo con una rassegna molto interessante. Tra i nomi presenti si annoverano Yoko Ono, Marina Abramovic, Valie Export, Silvia Camporesi, Odinea Pamici, Yayoi Kusama, Ana Mendieta, Gina Pane, Carolee Schneemann, Charlotte Moorman e Orlan.

Le opere esposte sono circa 40 ed esplorano il corpo femminile come mezzo espressivo attraverso cui veicolare un messaggio legato alle proteste e alla richiesta di diritti che hanno segnato tutta l’epoca a cavallo tra gli anni ’60 e ’70 del secolo scorso.

La rassegna è curata da Valerio Dehò che ha selezionato lavori fotografici, video, collage e oggetti che testimoniano come le artiste si sono servite del corpo, proprio o altrui, quale simbolo e al tempo stesso mezzo artistico.

Essendo la body art per sua stessa natura un’espressione effimera, molte testimonianze sono arrivate solo attraverso fotografie o filmati mentre in altri casi si conservano gli strumenti utilizzati nelle performance. Il percorso si rivela perciò particolarmente interessante e multiforme.

L’idea della body art al femminile ad opera delle artiste presenti in mostra voleva annullare la distanza tra l’arte contemporanea, l’artista e il suo pubblico abolendo i confini che esistono nello spettacolo, per esempio a teatro, e comunicando in maniera diretta anche attraverso la scelta di temi sociali forti in grado di raccontare un cambiamento diventando un laboratorio di quel cambiamento, partecipandovi in maniera attiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>