Al via Prague Biennale 4

di Redazione 1

Si inaugura il 14 maggio a Praga la quarta edizione di Prague Biennal. Polimorfa, sfaccettata, multiculturale, multicentrica e in continua dialettica con se stessa e con il pubblico: queste sono le caratteristiche di PRAGUE BIENNALE 4, che quest’anno si presenta assieme a PRAGUE BIENNALE PHOTO.

Come di consueto Giancarlo Politi e Helena Kontova, direttori di Prague Biennale, si sono affidati a un team di curatori internazionali, creando un forum di discussione sul tema della pittura nelle sue più diverse declinazioni e manifestazioni: locali, nazionali, internazionali. Da qui il termine EXPANDED PAINTING, coniato in occasione di Prague Biennale 2 e liberamente tratto dal saggio di Rosalind Krauss Sculpture in Expanded Field, diventa motore per una serie di sezioni il cui fine è mettere in evidenza e in discussione lo stato della pittura oggi nell’Europa Centrale e in alcuni paesi come Messico, Cina, Corea, Malesia, Filippine, con la collaborazione di alcuni fra più attivi e originali curatori.

A questa enorme parata di pittori e pittura mai presentata in una rassegna internazionale, fanno da contraltare le due sezioni ART IN GENERAL e FOCUS ITALY, confermando ancora una volta la vocazione della biennale alla molteplicità di interessi e di tematiche. Mentre ART IN GENERAL fa il punto sulla situazione odierna della Repubblica Ceca e in Slovacchia, senza dimenticarsi di dare spazio a visioni curatoriali peculiari e inaspettate, FOCUS ITALY mette “in scena” lati talvolta in ombra della produzione artistica italiana.

Al suo debutto quest’anno, PRAGUE BIENNALE PHOTO 1, un grande panorama della nuova fotografia nella Repubblica Ceca e Slovacca, attraverso un curioso ponte con gli Stati Uniti. Per riaffermare la centralità della  ricerca nella fotografia di questi paesi. Presentando 4 sezioni, raccolte dal direttore Vladimir Birgus, questa controparte della biennale conferma ancora una volta la natura dell’evento: sinergia, contrapposizione, pluralismo diventano le componenti peculiari di questa Prague Biennale, ormai diventata il vero riferimento artistico e culturale dell’Europa Centrale. E non solo.

Photo Copyright: “untitled”, Gunna Schmidt, 2007, oil, lacquer and acrylic on cottonsheet, 400×380 cm,  visione della Prague Biennale 3

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>