Un’americana a Roma

di Redazione Commenta

Lo Studio Stefania Miscetti presenta il 21 maggio BLUE un nuovo lavoro dell’artista statunitense Nancy Spero (Cleveland, 1926) realizzato appositamente per lo spazio della galleria, dopo le precedenti mostre personali del 1991 e del 1996.

Co-fondatrice nel 1972 del gruppo AIR- Artists in Residence, prima galleria di New York gestita da sole donne, Spero appartiene alla prima generazione di artiste americane vicine al movimento femminista. La sua ricerca si è sempre indirizzata verso la costruzione di una soggettività nuova, credendo come lei stessa affermerà più volte, che: “la storia non è fissa ma mutevole, aperta all’interpretazione, e continua a vivere accumulando nuovi significati. Si tratta quindi di un’idea molto sovversiva poiché significa che la storia può essere cambiata, che i rapporti di potere possono essere rovesciati per il fatto che scegliamo di ricordare ciò che alcuni possano ritenere sia meglio dimenticare. Questa è la prerogativa dell’artista”. Per lungo tempo sottovalutato e relegato nell’ambito del dibattito femminista, il lavoro della Spero è solo recentemente stato riconosciuto in ambito internazionale con importanti retrospettive e la brillante partecipazione nel 2007 alla Biennale di Venezia, curata da Robert Storr, con il lavoro dal titolo Maypole: Take No Prisoners. Dal ciclo di opere Maypole, deriva anche BLUE, l’installazione principale per quest’ultima mostra allo Studio Miscetti.

La Spero per questa mostra, con la tecnica della stampa manuale realizzata direttamente sui muri di gallerie e musei già sperimentata sin dal 1988 attualizza l’antico mito sumero di Marduk e Tiamat, la primigenia aggressione verso il femminile da cui deriva la creazione del cielo: figure femminili appaiono sulle pareti della galleria, parole impresse lungo il perimetro delle travi, una scultura sospesa. Completano l’esposizione, una  serie di opere su carta, realizzate dal 1985 al 2006 con l’uso della stampa e del collage con lastre di zinco inciso.

In occasione della mostra è pubblicato il libro, Nancy Spero, edizioni Charta con testi di Achille Bonito Oliva, Alessandra Mammì e Cristiana Perrella.

Photo Copyright: Nancy Spero, Jewish Woman Being Arrested, 1995, Hand print and print collage on paper , 27 x 66 cm, Courtesy Studio Stefania Miscetti, Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>