Art Verona si presenta con molte novità

di Redazione Commenta

Spread the love

Dal 17 settembre parte la quinta edizione di ArtVerona che si presenta agli appassionati d’arte moderna e contemporanea con nuove offerte di mercato provenienti da 170 espositori che proporranno una rosa selezionata di artisti di fama consolidata accanto ai talenti piu’ promettenti.

Anche quest’anno ArtVerona ripropone l’iniziativa Starting Collection, la guida via web e in fiera per opere di costo fino ai 6.000 euro, affiancata  dai primi di settembre da Artfaironline.it, la prima fiera virtuale collegata alla fiera reale, che resterà attiva fino ad autunno inoltrato, con l’obiettivo di dare a galleristi, operatori di settore, collezionisti reali e potenziali, un evoluto canale di comunicazione e maggiori opportunità di contatto.

Confermate le iniziative di successo quali ICONA e i due Premi Aletti, ArtVerona ripropone quest’anno molte delle sezioni nate nella passata edizione, volte ad indagare, grazie al prezioso contributo di curatori di rilievo, l’arte nella sua interezza, con un’attenzione particolare verso la ricerca e la promozione di giovani talenti. A tale proposito, nasce On Stage, la nuova sezione affidata ad Andrea Bruciati, che ha invitato una decina di gallerie emergenti a portare in fiera il lavoro di un unico artista a cui sarà acquistata, da parte di un pool di collezionisti, un’opera che sarà data in deposito ad alcuni dei principali musei d’arte contemporanea italiani, tra cui il Pecci di Prato, il MAMbo di Bologna, la GC.AC di Monfalcone, il MAN di Nuoro, il Mart di Trento e Rovereto e la Galleria d’Arte Moderna Palazzo Forti di Verona.

Rinnovato il Comitato Consultivo che vede tra i suoi componenti Andrea Bruciati, Beatrice Buscaroli, Giorgio Fasol, Manuela Magliano Pellegrini, Gabi Scardi e Maria Rosa Sossai. Sarà inoltre presente alla manifestazione anche una mostra collettiva dedicata ai giovani artisti sloveni, a cura di Aurora Fonda in collaborazione con Mara Ambros e Angela Vettese e realizzata con il supporto del Ministero della Cultura Sloveno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>