Takashi Murakami alla conquista di Versailles

di Redazione Commenta

Spread the love

Notizia bomba per il mondo dell’arte contemporanea che avrà sicuramente ripercussioni positive anche per le quotazioni di mercato. Ieri mattina a Parigi, durante l’evento organizzato per promuovere il lancio della mostra dell’artista pop francese Xavier Veilhan al castello di Versailles in programma per il prossimo 13 settembre, Jean-Jacques Aillagon direttore del Versailles Museum ha annunciato ai microfoni dell’Associated Free Press che il celebre artista giapponese Takashi Murakami sarà ospitato nel 2010 dalla prestigiosa istituzione museale.

Murakami è stato più volte celebrato come l’Andy Warhol giapponese per il suo stile artistico decisamente pop e la sua produzione estremamente prolifica. Parlando dei nuovi eredi di Andy Warhol viene da pensare anche a Jeff Koons che tra l’altro ha già esposto a Versailles alcune delle sue opere più celebri giudicate un poco troppo contemporanee per una location così classica. La mostra di Koons ha comunque attirato la bellezza di un milione di visitatori pur suscitando alcune polemiche, il principe Charles-Emmanuel de Bourbon-Parme, aristocratico francese e diretto discendente del creatore di Versailles Luigi XIV ha infatti intentato causa a Koons accusandolo di pornografia. Ovviamente il nobile non ha vinto la causa ma ci chiediamo cosa succederà al perbenismo dell’alta borghesia francese quando entrerà in campo Takashi Murakami che non è certo secondo a Koons quando si parla di arte trasgressiva e provocatoria con risvolti sessuali e sardonici.

Ovviamente vi terremo informati sugli sviluppi di questa grande mostra che si preannuncia come il più grande art show del 2010. Fino ad allora Murakami non starà certo con le mani in mano anzi, il nostro beniamino ha già in programma una mostra alla Gagosian Gallery di Chelsea programmata per il prossimo 15 settembre ed un evento espositivo alla Galerie Emmanuel Perrotin a Parigi il prossimo 15 settembre.  Insomma l’agenda del grande artista pop giapponese è già fitta di impegni, speriamo solo che Murakami non arrivi sfinito alla corte del Re Sole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>