Conrad Shawcross, il nuovo talento londinese con le spalle coperte

di Redazione Commenta

Spread the love

La IBM – International Business Machines, celebre azienda americana di computer ospiterà nei suoi locali di New York una bizzarra scultura. Nel mese di maggio 2010 verrà infatti installata una sorta di macchina costruita con acciaio e legno che annoderà dei fili formando una corda. L’opera presentata dalla galleria PaceWildenstein è una creazione dell’artista inglese Conrad Shawcross. Una simile opera titolata Chord ed installata per tutto il mese di novembre nella Kingsway tramway station di Londra è stata successivamente venduta dalla Victoria Miro Gallery per la ragguardevole cifra di 390.000 dollari.

“La mia ricerca ha a che vedere con il tempo, lo spazio e la cosmologia, i rocchetti di filo che formano lentamente la corda possono esser letti come pianeti che trascorrono una loro linea temporale all’interno della loro storia collettiva. Ma le possibilità interpretative sono assai vaste, molto spetta allo spettatore”. Ha dichiarato l’artista in una recente intervista. Le corde sono alla base della sperimentazione di Conrad Shawcross come in Nervous System (2003) installazione presentata in occasione della sua prima mostra personale. L’opera fu successivamente acquistata dal celeberrimo Charles Saatchi e questo fu un vero e proprio colpo di fortuna per l’artista ancora ventenne che vide schizzare le sue quotazioni in un battibaleno. “E’ stata l’unica persona che poteva comprare un’installazione del genere, si trattava infatti di un’opera molto grande e questo rappresenta sempre un rischio ma è risaputo che Charles Saatchi è un amante del rischio” ha aggiunto Shawcross. Certo che tutti vorrebbero farsi acquistare un’opera da Saatchi, ultimamente sembra infatti che il ricco magnate sia divenuto una sorta di Re Mida capace di garantire fama istantanea più che una mostra in un’importante istituzione museale.

Da par suo Shawcross non è certo il figlio di nessuno, suo padre è William Shawcross famoso scrittore che ha recentemente pubblicato il libro di successo Queen Elizabeth: The Queen Mother e sua madre è Marina Warner, critico e romanziere. Inoltre il padrino del divin pargolo è il pittore John Dewe Mathes. Insomma giovani artisti siete avvertiti: per farvi notare dovete esser già noti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>