Le facce di George Condo entrano nel mondo della moda

di Micol Di Veroli 1

Lo scorso 21 gennaio è iniziata a Parigi la settimana della moda maschile. La patinata e prestigiosa kermesse si è però aperta con uno show decisamente sopra le righe che ha visto il designer americano Adam Kimmel svelare la sua collezione primavera-inverno 2010 con l’aiuto del iconico downtown artist George Condo. Ovviamente non si è trattato della solita sfilata con i modelli che sfilano in passerella.

La Galerie Yvon Lambert è stata infatti trasformata in un grande casinò, con i modelli vestiti di tutto punto con i bellissimi abiti di Kimmel ma con in faccia delle grottesche maschere prese pari pari dai personaggi dipinti da Condo, incluso Jean-Louis, il frenchman ritratto dal pittore nella sua celebre serie Existential Portraits del 2006. “I vestiti che ho creato per la collezione di quest’anno sono ricalcano in pieno lo stile di Condo che è il più stiloso delinquente che io conosca” Ha dichiarato Kimmel in una recente intervista. Il curatore tuttofare Neville Wakefield, che è anche il direttore creativo della linea maschile di Kimmel, ha presentato Condo al celebre stilista alcuni anni fa: “Sono sempre in cerca di ispirazioni che fanno gola alla mia generazione e la mia generazione è decisamente ossessionata da George” ha aggiunto il celebre fashion designer. L’idea di costruire un grande casinò è stata tratta dal passato di Condo che è anche un famoso giocatore e passa quasi tutte le sue estati a Monte Carlo.

Inoltre Kimmel ha ricreato alcuni motivi come un tavolo da roulette ed un tavolo da BlackJack sul retro delle giacche e sulla fodera interna di alcune mantelle. Le straordinarie maschere sono state create da Gabe Bartolos che ha anche collaborato al ciclo Cremaster di Matthew Barney e sono state realizzate con materiali leggeri e schiume sintetiche. ” Le maschere sono qualcosa a cui ho pensato fin dall’inizio” ha detto Kimmel “Mi piace sempre raccontare una storia quando presento una mia collezione”. Ed anche questa volta il suo obiettivo è stato raggiunto.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>