200 euro per abbonarsi all’arte di Andrew Jeffrey Wright

di Redazione Commenta

Comprare un’opera d’arte non è certo roba da poveri in canna. Una persona comune decide di acquistare un dipinto, una stampa od una statua solo dopo essersi accertata di poter soddisfare i suoi bisogni primari e di potersi così permettere una spesa accessoria che rappresenterà comunque un cospicuo sforzo economico.

L’artista americano Andrew Jeffrey Wright ha lanciato però un’iniziativa che potrebbe sovvertire questo genere di convenzioni: “Ora che la mia carriera di artista è in ascesa i miei dipinti e disegni sono diventati troppo costosi per chi non dispone di molti soldi. Io però voglio che la gente comune possa ancora permettersi di collezionare i miei lavori” ha recentemente dichiarato l’artista. Quindi Wright ha lanciato una sorta di sottoscrizione low cost per i suoi fans. Il progetto è partito a gennaio e prevede una rata annuale di circa 300 dollari (circa 217 euro al cambio attuale). Tutti gli iscritti riceveranno una stampa al mese per un totale di 12 stampe l’anno, la rata include inoltre i costi di imballaggio e spedizione. “Questa iniziativa crea una divertente connessione tra il mio lavoro e le persone a cui realmente piacciono le mie opere. In più mi sembra un gran bel prezzo” ha aggiunto l’artista.

Andrew Jeffrey Wright (39 anni) è uno degli artisti più interessanti della giovane arte americana, i suoi lavori ironici e dal retrogusto punk sono caratterizzati da colori accesi e forme non convenzionali. Wright ha inoltre aggiunto che l’idea di creare una sorta di abbonamento per comprare le sue stampe a buon mercato non significa che le stesse saranno create con materiali economici: “Le stampe saranno il top della qualità, come sempre faccio nel mio lavoro. Non userò di certo inchiostri che svaniscono dopo due o tre anni” ha in merito dichiarato Wright.

L’iniziativa ci sembra decisamente simpatica e come afferma anche Wright: “Se la gente pensa di aver ricevuto troppe opere può sempre venderne qualcuna e pagarsi una bella cena in un ristorante a cinque stelle o prenotare un viaggio a Parigi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>