New York ed il vivaio dei giovani artisti. Ed in Italia?

di Micol Di Veroli Commenta

Tam Tran è un’artista nata nel 1986, decisamente giovane direte voi. Eppure questo tenero virgulto della scena contemporanea si è già guadagnata l’attenzione di pubblico ed addetti ai lavori grazie alla sua partecipazione alla Whitney Biennial 2010 dove, neanche a dirlo, era la più giovane artista in circolazione. Il prossimo 14 maggio Tam Tran parteciperà ad una mostra al Guggenheim di New York dal titolo A Year with Children 2010 ma a dispetto della sua giovane età l’artista sarà agguerrita come un navigato veterano dell’arte.

All’evento figureranno 120 opere create dagli studenti delle scuole pubbliche d’arte di New York, il progetto fa parte del programma  Learning Through Art initiative e prevede l’intervento di artisti celebri che si confrontano con gli studenti. Gli astri nascenti della mostra si sono rifiutati di rimaner confinati ad una sola tecnica espressima ed hanno creato, disegni, fotografie e dipinti. Alcuni di loro hanno persino utilizzato oggetti di recupero, tessuti e ritagli di giornale come parti integranti di collages ed assemblaggi vari. Vi mettiamo al corrente di questa notizia poiché questa iniziativa a noi piace parecchio. In tutta franchezza sarebbe giusto organizzare questo tipo di eventi artistici anche in Italia, dove troppo spesso gli artisti sembrano gelosi dei loro segreti per così dire professionali e le istituzioni appaiono invece latitanti quando si tratta di formare nuove leve artistiche.

Un sano confronto tra bambini, studenti ed artisti affermati potrebbe aiutare chi intende intraprendere la carriera d’artista e rappresenterebbe anche un’interessante piattaforma capace di attirare un folto pubblico di appassionati e, perché no, di addetti ai lavori. Magari si potrebbe organizzare il tutto in un’istituzione museale così da poter creare maggiore attenzione. Come anche sarebbe pur utile istituire dei musei laboratori nelle accademie ed altri istituiti d’arte in modo da far muovere i primi passi ai teneri virgulti. Purtroppo però ci rendiamo conto che questi sono e rimangono sogni ben lungi dall’avverarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>