Giovedì difesa: Black books

di Difesa Jubecca Commenta

Black Books è una sitcom realizzata tra il 2000 e il 2004. Ne esistono solo 3 serie, tutte peraltro molto brevi, sei puntate di 25 minuti circa ciascuna. Le ho consumate in brevissimo tempo.

È stata scritta e ideata da Dylan Moran, che ne è anche il protagonista, altri autori sono Graham Linehan, Arthur Mathews, Kevin Cecil e Andy Riley. Dylan Moran interpreta Bern, un irlandese misantropo, sudicio e alcolista che possiede una libreria nel centro di Londra, nel quartiere Bloomsbury. Di premi questa sitcom ne anche vinti parecchi, il premio BAFTA come Best Situation Comedy nel 2000 e nel 2005; nonchè la “Bronze Rose” (Rosa di Bronzo) al Festival Rose d’Or di Montreux nel 2001.

Tutto si basa sulle vicende dei tre protagonisti all’interno della libreria; Bernard, appunto, il suo aiutante Manny e la loro unica amica Fran. Il lavoro non consiste nel vendere i libri, ma nel tenere lontana la gente e non avere troppo casino nella libreria.

Credo che la forza delle gag che si creano sia data dal non concedere nulla o quasi alla logica dei rapporti umani. Attimi di apparente bontà, riappacificazioni, scuse negli episodi di torti subiti, abbracci, amicizia, in Black book tutto è bandito, non vi è nulla del genere. Il sarcamo e il cinismo ammiccano sempre, i sentimenti tuttavia sembrano sempre alla portata, ad un passo da Bern, alla mercè del bisogno simile a quello di tutti di provare qualcosa di affine per altri essere umani. Paradossalmente si palesa ancora di più l’umanità, la solitudine e la piccolezza.  Alla fine non si riesce a non amare la cattiveria di Bern, gli impacci di Mannny e Fran. Un bel lavoro tenero divertente surreale, da ingurgitate di un fiato. Non saprei dire perchè non ha avuto un seguito. Trovate tutto in streaming in italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>