A FuoriCampo torna “Genealogia”: Giovanni Ozzola con Remo Salvadori

di Redazione Commenta

Spread the love

Prende corpo e vita negli spazi della galleria d’arte FuoriCampo di Siena, il secondo episodio di “Genealogia”, il progetto espositivo a cura del critico d’arte Ludovico Pratesi. Un percorso che mette in comunicazione i mondi di artisti, distanti per generazione ma vicini per sensibilità. Giovanni Ozzola ha scelto di dialogare con il maestro Remo Salvadori, protagonista della generazione successiva a quella dell’arte povera e concettuale e Insieme hanno realizzato un’opera unica a quattro mani.

Per la prima volta, nell’ambito del progetto Genealogia, i due artisti, lavoreranno insieme partendo dalla stessa materia: uno stampo per ceramica realizzato da un amico comune Roberto Cerbai. Il risultato è un’opera monumentale, una base comune da cui emergono forme più intime che alludono ai due caratteri così simili e così diversi come una circonferenza e una sinusoide. Un’opera che per come è stata concepita dai due artisti ribalta il tradizionale allestimento a parete.

 «L’incontro tra Ozzola e Salvadori è legato all’idea di costruire una sorta di universo domestico ispirato alla sfera, intesa in un’accezione complessa. Sfera come forma perfetta, simbolo del divino e archetipo del cosmo, ma anche come territorio di condivisione e dialogo, scambio e relazione. Ed è proprio la condivisione, la forza di Genealogia#2» ha dichiarato Ludovico Pratesi, curatore del progetto.

«Il concetto di genealogia contiene al suo interno l’idea di uno sviluppo positivo, nella sua rappresentazione del futuro, e la consapevolezza del proprio passato come valore a cui rivolgersi. Genealogia si dimostra particolarmente adatto nel dare conto delle tendenze dominanti, delle evoluzioni del gusto, come anche dei momenti di rottura e di passaggio. Le rivoluzioni artistiche però appartengono ad un tempo eterno che sfugge al progresso della storia. In questo senso è come se non venissero mai superate ma soltanto (r)aggiunte.» ha commentato Jacopo Figura, nel catalogo.

Genealogia attraverso l’incontro tra un giovane artista e il lavoro di un maestro, si propone di promuovere un criterio di tracciabilità in grado di svelare le radici e le possibili traiettorie. Un progetto mirato per lo sviluppo e la comunicazione delle possibilità espressive dell’arte contemporanea. Le esperienze saranno raccolte in una pubblicazione.

 La mostra Genealogia#2 resterà aperta dal 17 marzo al 30 aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>