Ricordati che devi morire – DamienHirst @Tate Modern

di Alessia Avallone Commenta

Pensate mai alla morte? O meglio quali sono le vostre paure legate ad essa? Domande che raramente toccano le vostre menti ; siete così affannosamente presi a godere le vostre vite in ogni secondo,che non vi preoccupate dell’esistenza di un’ altra componente essenziale della vostra vita : la morte. Il senso biologico della vita consiste nel mantenimento della vita stessa, e tale mantenimento avviene con un ricambio, una sostituzione, un’ evoluzione. Non siete altro che un limitato segmento di una lunghissima trama che si muove, si evolve nello spazio e nel tempo.

Ne eravate al corrente?

Ebbene, Damien Hirst vi insegnerà come indagare la morte , come sperimentarla , mettendola sotto i vostri occhi.“ISOLATED ELEMENTS SWIMMING IN THE SAME DIRECTION” : 38 varietà di pesci preservati in forma aldeide vi rivelano l’illusione della vita e della morte;sembrano quasi congelati ,preservati esteticamente nello stesso atto ; un vero e proprio minimalismo scientifico per creare un senso di permanenza lanciato contro la transitorietà della vostra vita.Al loro fianco , per rafforzare l’antitesi tra vita e morte, “ERGOGALIFERON” : sperimentazione di pittura e collage, gli spot paintings attraverso i quali Hirst attua probabilmente la più grande scoperta nell’arte , come i colori da soli si creino in forme perfette; dipingendo come una persona che dipinge come una macchina. Un vero e proprio attacco ai vostri sensi; ogni spot paintings vi afferra e vi scuote. Ormai siete tutti adulti e non più abituati ad essi. E’ sorprendente vedere come ogni singolo colore salti aldilà della propria dimensione , abbattendo la barriera che intercorre tra spettatore ed opera d’arte. Una domanda quindi vi sorgerà spontanea: cercate tutti di evitare la morte , ma essa è talmente grande , che ciò è impossibile.

Questa è una cosa terribile. Non è vero?

“THE PHYSICAL IMPOSSIBILITY OF DEATH IN THE MIND OF SOMEONE LIVING” : isolare un animale nel suo abitat , qui uno squalo bianco , sempre in forma aldeide. Vi sta guardando con i suoi occhi di ghiaccio, spalancando la sua bocca nell’atto di divorarvi con i suoi denti aguzzi. In questo istante avete paura.

Ma se non potete evitare la morte , cosa potete fare?

Potreste sperare di allontanarla. Ma potreste curare una persona anche per un lungo periodo ma alla fine essa morirebbe lo stesso. Potreste arrestare la morte ; ma non fermarla. “MEDICINE CABINET” : vetrine contenenti farmaci ognuno di esso correlato a dei farmaci utili a curare una parte del corpo. Solo guardandole vi sentirete meglio , vi sentite rassicurati . La speranza di poter arrestare il processo che porta alla morte vi trascina in uan nuova fase. Il design di ogni singolo pacchetto dei farmaci sembra fatto a posta per essere venduto , per regalarvi questa effimera speranza di sopravvivenza ; ogni farmaco sembra vendere se stesso!

Gli armadietti sono credibili , rassicuranti.

Un filo sottile divide la vitadalla morte.

“THE ACQUIRED INABILITY ESCAPE” : una gabbia , un tavolo , una sedia , un posacenere colmo di quel che resta di centinaia di sigarette. Intravedete anche voi un individuo , come voi tutti , seduto su quella sedia , fumando le sue sigarette intrappolato nella solitudini dei vostri tempi. Ma la vita è bellezza : come le farfalle . Crescono e si sviluppano dopo tanta fatica. Le ammiriamo ogni giorno intorno a noi stupendoci di tanta meraviglia ; ma solo dopo 24 ore di vita giungono al termine della loro esistenza. Giusto per regalare ai vostri occhi il piacere della bellezza, il piacere della bellezza della vita , così effimero.

“IN & OUT OF LOVE” : dentro e fuori l’ amore , dentro e fuori la vita , dentro e fuori la morte. La società che tenta di rifuggire alla realtà costringendovi a vivere intrappolati ,imbottendovi di farmaci e cospargendovi di miele. Realtà e irrealtà che si confrontano , la società che collassa attraverso questo smascheramento.

Cosa potete misurare contro la morte?

Come potrete esprimere dunque la transitorietà della vostra vita sulla terra?

La morte non vi piace. Dovrete dunque nasconderla o addirittura decorarla se si potesse per farla sembrare più sopportabile a tal punto da farla diventare qualcos’ altro.

E per amor di Dio , cosa avrà intenzione di fare adesso DamienHirst?

“FOR THE LOVE OF GOD”: un teschio interamente ricoperto di diamanti. Il terzo occhio nel mezzo il diamante più grande. I diamanti : quelli per cui gli uomini uccidono e si uccidono tra di loro.

Dunque ricordate tutti che dovete morire , e se non l’avete capito… segnatevelo!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>