Pietro Greco: Il Bello protagonista di Palazzo Stella Greco

di Gianni Commenta

Creare un luogo nel quale “Il Bello” diventi protagonista, sia come rispetto per l’ambiente, come design d’autore, come arte, come buono, e come confortevole, sotto tutti i profili. Con questo obiettivo Pietro Greco, insieme alla moglie, sta ristrutturando Palazzo Stella Greco a Lamezia Terme, che presto diventerà struttura ricettiva.

Il mediatore d’affari calabrese, nonostante abbia studiato, vissuto e lavorato a Milano per molti anni, ha sempre voluto fare qualcosa per la sua terra: la Calabria, che ha un grande potenziale che Pietro Greco vuole portare alla luce.

Nato a Lamezia Terme, Pietro Greco è Amministratore Unico di STAR Srls, azienda di consulenza imprenditoriale e amministrativo gestionale per società finanziarie e fondi di investimento. Ha collaborato con l’Università Luigi Bocconi e con l’Istituto per gli studi di Politica Internazionale di Milano, per i quali cura l’organizzazione di eventi sulla politica economica e il commercio internazionale.

Proprio alla Bocconi Pietro Greco ha conseguito la laurea in Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari, specializzandosi in ambito finanziario, mercati finanziari e relazioni con il sistema politico-economico. Ha inoltre maturato una specifica esperienza finanziaria del mondo sanitario italiano, sulla Pubblica Amministrazioni, sul loro funzionamento e procedure di gestione e recupero del credito.

Da sempre sensibile all’Arte e alla Cultura, sta costruendo un progetto per la sua città natale – Lamezia Terme – che veda “il Bello” e le eccellenze locali protagoniste, come contributo alla ripresa post-pandemica ma anche alla migliore valorizzazione del patrimonio e delle maestranze calabresi.

L’apertura ufficiale di Palazzo Stella Greco dovrebbe avvenire a Gennaio 2022. Ad attendere i futuri ospiti ci saranno 7 magnifiche stanze delle quali 3 suite, ricavate nell’antica mansarda del Palazzo e restaurate cercando di conservare al massimo l’autenticità dei materiali. Il parquet è stato ricavato dalle travi dell’800 di quercia rossa del precedente tetto e solaio, e ogni stanza avrà un tema che richiamerà gli elementi della Natura (acqua, cielo, terra, fuoco ecc.). Parola d’ordine: cura del dettaglio.

“La ristrutturazione – spiega l’esperto di consulenza e mediazione – ha inteso preservare l’architettonicità originale, ma anche adattarla alle norme anti-sismiche e di sostenibilità ambientale ed energetica: infatti, oltre al tradizionale impianto di aria climatizzata, il Palazzo sarà dotato di impianti di cambio aria attraverso sistemi meccanizzati e strumenti per la regolazione dell’umidità interna”.

“Classificato – aggiunge Pietro Greco – come struttura nearly Zero Energy Building (nZEB – Edifici ad Energia Quasi Zero) e plastic-free, il Palazzo sarà dotato di sale espositive pronte ad accogliere mostre permanenti e temporanee nonché servizi integrati, spazi per eventi, una corte interna immersa nel verde, camere nelle quali soggiornare e ristorazione. Per gli arredi è stata siglata una collaborazione con un’azienda leader nel design e del Made in Italy, così come sono stati coinvolti architetti di fama internazionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>