Paul Fryer, una pietà elettrica

di Micol Di Veroli 1

Tornano alla ribalta le polemiche tra arte e religione, leitmotiv che sembra esser ormai divenuto una triste e scordata cantilena che non affascina o scandalizza più nessuno. La Cattedrale di Gap nel sud della Francia in occasione delle festività pasquali ha da poco ospitato una scultura dal titolo Pietà raffigurante il Cristo morto su una sedia elettrica, opera dell’artista britannico Paul Fryer.

L’operazione avrebbe suscitato non poche reazioni ”in maggioranza positive”, ha osservato il vescovo della diocesi, Jean-Michel di Falco. Commenti di fedeli e visitatori , posti accanto alla foto della scultura , sono inoltre stati pubblicati sul sito della diocesi di Gap e sono in gran parte favorevoli all’ iniziativa. ”La croce non era l’equivalente, all’epoca romana, della sedia elettrica?”, si chiede uno dei fedeli. Un altro osserva: ”Oggi entriamo in una chiesa senza neanche guardare Cristo sulla croce. Alloro dico grazie a Jean-Michel di Falco per avermi svegliato”.

Non è certo la prima volta che Paul Fryer si cimenta in temi religiosi, il suo gruppo di installazioni datato 2008 e presentato nel corso dell’evento Let There Be More Light diviso tra la Holy Trinity Church e la  Simon Dickinson Gallery di Londra, comprendeva soggetti di carattere scientifico in relazione con la religione.

Nel 2001 Fryer ha collaborato con Damien Hirst per la stesura di un libro di poesie intitolato  Don’t Be So. In seguito l’amicizia fra i due ha portato Hirst ad essere un collezionista di Fryer, in occasione della prima mostra personale  Carpe Noctum del 2005, Hirst avrebbe infatti comprato un’opera di Fryer. La vicinanza dell’eclettico artista britannico è stata quindi un vero e proprio trampolino di lancio per Paul Fryer che nel 2006 ha esposto persino alla Tate Britain in occasione della mostra New Gothic.

Per la cronaca diversi quotidiani nazionali tengono a precisare che l’opera di Fryer fa parte della collezione d’arte dell’ uomo d’affari francese Francois Pinault, proprietario di Palazzo Grassi a Venezia, sicuramente felice poiché le quotazioni della Pieta di Fryer saranno salite vertiginosamente negli ultimi giorni. Insomma questa di Gap sembra una nuova trovata della premiata ditta Hirst & Fryer.

Photo Copyright: Paul Fryer

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>