La globalizzazione dell’arte armena

di Redazione Commenta

Spread the love

Il 4 giugno prossimo Forte Marghera ospiterà un interessante evento collaterale della 53esima Biennale di Venezia dal titolo Voulu/obligé che presenterà i lavori della piattaforma artistica berlinese Armenian Transnation.

La manifestazione è frutto di una collaborazione su larga scala che continua da ben quattro anni. Durante questo tempo un gruppo di artisti armeni ha concentrato le proprie ricerche sperimentali sulla globalizzazione e sul mondo di internet ponendo l’accento sull’identità, sulla nazionalità, sulla cittadinanza e sulla coesione. In questi quattro anni gli artisti hanno lavorato insieme per trovare possibili risposte in forma artistica a domande universali sul significato dell’essere Armeno e sul significato dell’identità globale offerta dal 21esimo secolo.

Gli artisti in mostra proporranno immagini metaforiche che non mirano a rivendicare  l’univocità e la solidità dei simboli nazionali ma mirano a divenire come fili di un’unica tessitura. Essere senza nazione, essere fuori posto in senso simbolico e geografico diviene per gli artisti un modo di eludere categorie sociali predefinite che organizzano la produzione e diffusione dell’arte e della conoscenza.

La curatrice ed artista del gruppo Armenian Transnation Silvina Der-Meguerditchian commenta così l’esperienza della sua sperimentazione artistica sull’identità sociale e nazionale: ” Per me la nazione è un posto geografico e mentale che influenza il nostro modo di capire la vita attraverso un determinato cielo, determinati territori e determinate persone. Il corpo e la mente sono come strumenti musicali accordati con l’ambiente circostante. La nazione influenza il tuo modo di essere, di sentire, cambia la tua sensibilità e la tua percezione delle cose.”

Voulu/obligé è sicuramente un evento collaterale da tenere sott’occhio se non altro per verificare e per comprendere lo stato attuale dell’arte in paesi che troppo spesso passano in secondo piano. Vi anticipiamo sin d’ora che avrete piacevoli sorprese e comunichiamo di seguito la lista degli artisti partecipanti: Achot Achot, Emily Artinian, Christopher Atamian, Silvina Der-Meguerditchian e Archi Galentz.

Photo Copyright: Achot Achot

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>