Palestina c/o Venezia

di Redazione Commenta

Spread the love

Avrà luogo a Venezia dal 6 giugno al 30 settembre, presso la rinnovata Sala del Camino nell’ Ex Convento dei Santi Cosma e Damiano alla Giudecca, un evento espositivo di forte impatto simbolico, il cui contenuto assume caratteri di vera eccezionalità nel contesto dell’offerta d’arte cittadina; ufficialmente compreso fra gli eventi collaterali della 53ª Biennale d’arte, Palestine c/o Venice offre infatti un’occasione di visibilità e penetrazione internazionale ad alcune voci di spicco dell’arte contemporanea palestinese.

I sette artisti partecipanti, cui è stato richiesto di creare un’opera appositamente per l’evento, sono stati scelti per il loro eccezionale impegno, la qualità del loro lavoro artistico, e la capacità  di collegare temi locali e globali. Tra loro sono presenti artisti emergenti e artisti affermati. Le diverse tecniche utilizzate includono l’installazione sonora, l’installazione multimediale, interventi site specific, animazione, fotografia e video.

La loro arte affronta temi che vanno dall’epistemologia del concetto di biennale al dialogo tra culture diverse nell’ambito dell’architettura e della progettazione urbana, e esplora la percezione visiva degli oggetti nel loro stato meccanico. Esamina inoltre la marginalità attraverso la geografia strutturale del campo profughi, e attiva un discorso comunitario pressoché inesistente sulla riconfigurazione socio-spaziale colonialista dei centri urbani.

Per garantire che le comunità palestinesi partecipino alla celebrazione, in contemporanea all’inaugurazione che avrà luogo a Venezia sei istituzioni artistiche palestinesi di Gerusalemme e della Cisgiordania presenteranno al pubblico locale duplicati delle opere esposte alla Biennale.

Ecco la lista completa degli artisti partecipanti Taysir Batniji, Shadi HabibAllah, Sandi Hilal e Alessandro Petti, Emily Jacir, Jawad Al Malhi e Khalil Rabah.

Le sedi palestinesi che ospiteranno i duplicati delle opere sono: A.M. Qattan Foundation, Birzeit University Art Museum, Al-Hoash Palestinian Art Court, International Academy of Art Palesatine, Al Ma’mal Foundation for Contemporary Art, Riwaq Center for Architectural Conservation.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>