Fatevi Misurare da Roman Ondák al MoMa di New York

di Redazione Commenta

Spread the love

Il MoMa, Museum of  Modern Art di New York cala per l’ennesima volta il suo asso. La famosa istituzione museale statunitense non paga dell’attuale calendario espositivo tra cui figurano i nomi di Aernout Mik, León Ferrari e Mira Schendel è in procinto di inaugurare il 24 giugno prossimo Measuring The Universe, di Roman Ondák.

L’evento rappresenta il 4° appuntamento dedicato ad una serie di performance che ha già visto tra le sue fila nomi del calibro di Tehching Hsieh, Simone Forti ed Yvonne RainerMeasuring the Universe (2007) è un’opera di recente acquisizione per il MoMa, si tratta di una performance in cui l’altezza di ogni visitatore è annotata sul muro dello spazio espositivo da un operatore del museo adibito ad annotare il nome del visitatore e la data dell’effettiva misurazione in corrispondenza dell’altezza massima della persona misurata.

Ogni volta che un visitatore accetta di farsi misurare il suo nome viene aggiunto a quelli già presenti sul muro, il meccanismo si ripete continuamente per tutta la durata della mostra formando una sorta di disegno che racchiude tracce fantasma di migliaia di persone. L’organizzatore  e co-curatore della mostra Klaus Biesenbach definisce Roman Ondák come “un importante artista emergente che porta avanti la tradizione dell’arte concettuale centro europea. L’artista è famoso per le sue installazioni, per i disegni e le performance che attingono direttamente dalla lunga storia di questo continente. Measuring the Universe combina molte caratteristiche dei precedenti lavori dell’artista, il tema più importante è la partecipazione dello spettatore che abbatte le usuali barriere tra il performer ed il suo pubblico, tra il professionale e l’amatoriale e tra produzione e fruizione”.

In sostanza, come afferma anche il comunicato stampa del MoMa Measuring the Universe trasforma in evento pubblico l’usanza domestica di registrare sugli stipiti delle porte le variazioni d’altezza dei bambini.

Photo Copyright: Roman Ondák, Nadine Dinter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>