The Boston Spaceships – Zero To 99

di Redazione Commenta

Spread the love

Terzo album per lo strambo progetto di Robert Pollard e vediamo se riuscirà a raggiungere gli spigoli e le ironie del primo album Brown Submarine. Pollard non mi è mai piaciuto un granchè ma il frizzante nonsense delle sue song in certi casi può tirar su il morale. Buona dose di indie rock con simpatiche incursioni del batterista dei Decemberists, John Moen. Disco che però rischia di passare presto inosservato nel mare magnum del contemporaneo salvo per qualche traccia divertente. Allegro ma non troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>