Pearl Jam – Backspacer

di Redazione Commenta

Spread the love

Nono ed attesissimo album dei Pearl Jam, osannati e molto spesso criticati dai loro stessi fan. Mi piacerebbe molto lodare la band capitanata da Eddie Vedder e dire che questo Backspacer sia un ritorno alla rivoluzione grunge o comunque alternativa della Seattle anni ’90. Purtroppo dischi come Ten, Vs. e Vitalogy chi te li fa più? neanche i Pearl Jam purtroppo. Spunti buoni ci sono: Gonna See My Friend e Johnny Guitar non sono male e la delicata Just Breathe ci riporta gloriosamente indietro nel tempo: Sfortunatamente i nostri eroi si sono da tempo fossilizzati su di un suono sempre identico album dopo album, con riff a mazzetta che sembrano tutti uguali. Artigiani del rock sono i Pearl Jam di oggi e della loro annunciata rivoluzione non è rimasto che un sussurro. Scontati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>