Nahum Tevet alla Fondazione Volume!

di Redazione Commenta

Spread the love

La Fondazione Volume! di Roma presenta dal 21 ottobre fino al 21 novembre l’intervento di Nahum Tevet, artista israeliano il cui idioma compositivo gioca sulla relazione tra arte e architettura, esplorando nuovi territori espressivi sgombri da specifiche definizioni.

Combinazioni di elementi modulari costruiscono a Volume! un sistema di diversi livelli di percezione.
Assemblaggi di elementi lignei, prossimi alla linearità minimalista ma lontani dalle sue implicazioni teoriche e concettuali, si prestano all’occhio dell’osservatore come un’immagine familiare, ricordando oggetti già vissuti, legandosi strettamente alla dimensione abitativa di Volume! ed ai suoi spazi.
I moduli instaurano una relazione con la struttura dello spazio preservando tuttavia un’autonomia concettuale, formale e cromatica. Un percorso armonico e silenzioso che al contempo destabilizza la percezione dell’osservatore e relativizza la sua posizione rispetto allo spazio, una sorta di ossimoro che scuote, offrendo una nuova dimensione mentale.Nahum Tevet è nato in Israele, nel 1946. Vive e lavora a Tel Aviv. Dalle prime opere degli anni 70’ e 80’ nelle quali era predominante la rappresentazione e la trasposizione razionale della logica dell’assemblaggio, Tevet passa progressivamente alla realizzazione di grandi installazioni dove l’osservatore può rintracciare diversi punti d’inizio per creare il proprio soggettivo percorso all’interno delle ideali sezioni delle strutture in essere.

Ha preso parte a manifestazioni internazionali quali l’VIII edizione di Documenta a Kassel nel 1987, alla XXII Biennale di São Paulo nel 1994, alla Biennale di Lione nel 1997, al Carnegie International nel 1999 – 2000 e alla 50ma Biennale di Venezia nel 2003. Ha realizzato progetti nelle principali gallerie del mondo (Parigi, Gerusalemme, New York e Zurigo) e importanti mostre personali gli sono state dedicate dai maggiori musei internazionali: la Kunsthalle di Mannheim nel 1986, il Tel Aviv Museum of Art nel 1991, il MUMOK di Vienna nel 1997, la Chapelle des Jésuites di Nîmes nel 1998 e l’Israel Museum di Gerusalemme nel 1976, nel 1984 e nel 2007. Del 2008 la personale presso MACRO, Museo d’Arte Contemporanea Roma.
Nell’ultimo anno ha realizzato due tra le maggiori sculture pubbliche in Israele presso lo Sculptur garden a Savion e un’ installazione presso il palazzo centrale della Intarnational Bank, progettata dall’architetto I.M.Pei, a Tel Aviv.

Photo Copyright: Nahum Tevet, Take Two, 2005, Macro, Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>