L’ultima mostra della Deitch Project? Lo street artist Shepard Farey

di Redazione Commenta

Spread the love

La galleria di New York Deitch Projects continua a navigare nel vasto mare dell’incertezza da quando il suo noto proprietario, Mr. Jeffrey Deitch è stato investito della carica di direttore del Moca, Museum of Contemporary art di Los Angeles. Per ora il futuro della galleria è ancora nebuloso ma l’unica cosa certa è che l’ultimo artista (almeno per questa stagione espositva) ad esporre in galleria sarà Shepard Fairey. Il celebre street artist, autore dell’ancor più celebre poster Obama Hope ha infatti scritto sul suo sito web personale che la sua prossima serie di nuove opere sarà esposta dal 1 maggio 2010 alla Deitch Projects, un mese prima della fatidica chiamata alle armi di Mr. Deitch.

Contattato nel suo studio di Los Angeles, mentre è indaffarato nella preparazione delle sue nuove oepre, Fairey ha dichiarato che la sua mostra sarà piena di ritratti di persone appartenenti a diverse aree della cultura, personaggi in qualche modo importanti che rappresentano gli ideali maestri dell’artista. La scelta di Fairey è ricaduta su nomi quali Woodie Guthrie, Debbie Harry, il Dalai Lama ed il leader dell’opposizione burmese Aung San Suu Kyi, questi ultimi due personaggi sono stati già precedentemente ritratti dall’artista. Alla mostra saranno presenti anche alcuni murales in larga scala sia nello spazio espositivo che sulle mura esterne alla galleria: “Ho già adocchiato due punti all’esterno dove potrei fare alcuni lavori interessanti” ha commentato Fairey, poi riferendosi alle grane legali che lo hanno colpito la scorsa estate, ha aggiunto: “Dovrò comunque star attento perchè sono ancora in libertà vigilata per aver imbrattato illecitamente il patrimonio pubblico, ma riuscirò a trovare comunque una soluzione per creare liberamente i miei murales al di fuori della galleria”.

Parlando di Deitch e del suo trasferimento al Moca, Fairey ha dichiarato: “E’ l’uomo giusto per il museo. Peccato che la città di New York soffrirà la sua mancanza. Jeffrey è molto bravo a creare una scena, portando musica ed altre cose che non sono solamente un buon vino con del formaggio. Deitch rappresenta tre dei miei artisti preferiti, io sono entrato nella scuderia solo pochi anni fa ma sono contento di averlo fatto in tempo prima della chiusura della galleria”. Sarà ma dalle nostre parti essere l’ultimo artista ad esporre prima della chiusura di una galleria non porta poi tanta fortuna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>