She Devil, video arte al femminile

di Redazione Commenta

Spread the love

Studio Stefania Miscetti di Roma inaugura il 12 febbraio la quarta edizione della rassegna video SHE DEVIL che anche quest’anno, in continuità con le precedenti edizioni, accoglie numerosi curatori ed artisti internazionali, dai più giovani ai più affermati, proponendosi così come una vera e propria piattaforma aperta a nuove e differenti esperienze.

SHE DEVIL, nome di un’eroina della Marvel e titolo del famoso film del 1989 di Susan Seidelman, allude in modo giocoso allo spirito diabolico e bizzarro con cui l’esperienza artistica indaga e attraversa il quotidiano. I video si focalizzano su una ricerca al femminile, e mettono a diretto confronto i diversi percorsi di indagine. Scopo dell’iniziativa è di sollecitare, a volte con ironia, a volte con realismo, la coscienza collettiva su temi come l‘identità femminile, il corpo come luogo di rappresentazione e significato, l’esperienza personale che assurge a dimensione universale anche quando è l’intimità delle artiste ad essere portata in primo piano.I lavori presentati in questa edizione, selezionati nel panorama artistico italiano ed internazionale – dall’Africa, alle Americhe, all’Asia, all’Europa – indagano più specificatamente il discorso sulla donna e il potere, sulla vulnerabilità, il rapporto con l’identità, l’immagine, il corpo, la tradizione, il ruolo assunto e subito nei contesti domestico e professionale. Attraverso l’accostamento di linguaggi espressivi e prospettive diverse, la mostra ambisce ad investigare una tematica complessa ma quanto mai pregnante e a presentare opere video, mai mostrate a Roma, che complessivamente possano sollecitare una reazione forte e propositiva al tempo presente.

Special guest di questa edizione sarà inoltre Martha Rosler, artista da sempre impegnata nell’analisi politico sociale dei miti e delle realtà della cultura contemporanea. In mostra sarà presentato Vital Statistics of a Citizen, Simply Obtained (1977), lavoro incentrato sul problema dell’oggettivazione dei corpi e l’interiorizzazione delle norme che determinano il significato dell’essere donne.

Artisti invitati: Lida Abdul, Grimanesa Amoros, Monica De Miranda, Anna Franceschini, Laura Fratangelo, Nick Hooker, Tara Mateik, Nandipha Mntambo, Anetta Mona Chisa, Tamara Moyzes, Grace Ndiritu, Luana Perilli, Mariuccia Pisani, Ana Prvacki, Moira Ricci, Marinella Senatore, Asli Sungu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>