The Faunal Countdown. Prima rassegna urbana di arte invadente

di Micol Di Veroli Commenta

In occasione dell’Anno Mondiale della Biodiversità, MLB home gallery– strategic art projects propone una spettacolare e provocatoria iniziativa che coniuga arte e scienza, architettura e tecnologia, design e natura: The Faunal Countdown. Prima rassegna urbana di di arte invadente per la salvaguardia delle specie in via di estinzione…uomo compreso.

Le opere dell’artista Stefano Bombardieri, internazionalmente noto grazie ai suoi interventi di arte pubblica, unite alla creatività strategica della curatrice Maria Livia Brunelli, trovano un habitat ideale a Porto Cervo, suscitando in chi le vede una riflessione critica sul tema della salvaguardia delle specie in via d’estinzione. Specie di cui fa parte anche il genere umano. “Siamo tutti sulla stessa bArca” è lo slogan accattivante e ironico di questa iniziativa dal raffinato sapore etico.The Faunal Countdown prende avvio il 18 agosto 2010 con una singolare anteprima alla Promenade du Port di Porto Cervo (Costa Smeralda, Sardegna). Un coccodrillo geneticamente modificato, a grandezza naturale, accoglie visitatori e turisti portandoli improvvisamente a fermarsi, riflettere, interiorizzare. Si tratta di un’opera che va oltre la semplice denuncia legata al pericolo di estinzione di alcune specie animali. Il coccodrillo non è rappresentato morto o squartato al fine di utilizzarne la pelle, ma è un animale geneticamente modificato in grado di produrre direttamente dal proprio corpo oggetti effimeri: scarpe, borsette, accessori in pelle di coccodrillo. L’opera non rappresenta quindi una critica ma, più semplicemente, uno sguardo su un futuro molto prossimo se non addirittura su di un presente che ci vede tutti coinvolti, più o meno consapevoli.

Come se fosse un totem, il 18 agosto, a celebrarne la “cattura”, sotto il coccodrillo appeso avrà luogo un rito tribale grazie alle evocative sonorità di un percussionista africano, mentre l’architetto Barbara Tognon presenterà le sue ultime creazioni nate dall’energia dei nuraghe sardi.

L’installazione sarà visibile fino al 17 settembre. Dal 24 settembre fino al 30 gennaio 2011 il coccodrillo sarà esposto davanti al Castello di Ferrara insieme ad altri dieci animali in via di estinzione in giro per la città; il tour di The Faunal Countdown toccherà poi Instanbul e Dubai, mentre nell’estate 2011 la Sardegna sarà teatro di un’intera rassegna dedicata al problema dei cetacei in via di estinzione, per celebrare la bellezza di balene e delfini del Parco Naturale tra la Sardegna e la Corsica.

Le opere di Stefano Bombardieri (artista presente alla 52° Biennale di Venezia e ad Art Basel 2009, oltre che nelle principali collezioni italiane e straniere), conducono il visitatore in un universo apparentemente fantastico ma altrettanto drammatico, grazie al senso di straniamento che la loro dimensione è in grado di indurre. Così lo stupore iniziale lascia il posto alla riflessione sull’attualissimo tema della salvaguardia della biodiversità. Si tratta di animali giganteschi che però sono inermi testimoni della loro estinzione, monumenti al futuro del nostro pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>