Arriva a Milano The Affordable Art Fair, la fiera con opere sotto i 5.000 euro

di Redazione Commenta

Spread the love

Dal 3 al 6 febbraio The Affordable Art Fair – AAF arriva a Milano, dopo il successo ottenuto in molte città del mondo: Londra, Amsterdam, Parigi, Bruxelles, New York, Sydney, Melbourne, Singapore. Ciò che la contraddistingue è un nuovo modo di far conoscere l’arte in maniera divertente e informale. Fin dal 1999, quando Will Ramsay inaugurò per la prima volta la fiera a Londra, l’obiettivo è quello di rendere l’arte contemporanea accessibile a tutti, per dimostrare che non è necessario essere un esperto, un gallerista o un milionario per iniziare una propria collezione d’arte. È questa la filosofia che contraddistingue The Affordable Art Fair (AAF), la più famosa e interessante fiera d’arte per le opere con un limite di prezzo (5.000 euro nella tappa di Milano).

Dalla prima edizione AAF è cresciuta velocemente, diventando un fenomeno globale con fiere in tutto il mondo, grazie alla capacità di portare nuovi contatti e nuovi collezionisti nel mercato. Globalmente più di 800.000 persone hanno visitato le Affordable Art Fair, comprando più di 130 milioni di euro di opere d’arte. Il 2010 ha chiuso con più di 150.000 visitatori: considerando il network, è la fiera d’arte più visitata al mondo.AAF approda a Milano, a Superstudio Più in zona Tortona, e vede la partecipazione di circa 60 gallerie provenienti da tutto il mondo. Ogni galleria presenta opere d’arte originali di almeno tre artisti viventi il cui prezzo sia compreso tra i 100 e i 5.000 €, il quale deve essere obbligatoriamente esposto a fianco ad ogni opera.

L’obiettivo è quello di allargare la base dei potenziali collezionisti, offrendo loro un luogo rilassato e divertente dove si possono ammirare una grande varietà di pitture, sculture, fotografie e stampe, e dove esiste una libera circolazione di informazioni riguardanti gli artisti e i prezzi. L’emozione derivante dal possesso di un’opera d’arte dovrebbe essere un beneficio offerto a molti e non solo a una ristrettissima cerchia di persone.

AAF, per creare un’atmosfera il più possibile rilassata e coinvolgente, sempre nell’ottica di mettere a proprio agio i visitatori, offre alcuni servizi gratuiti e alcune iniziative tipiche del format, che sono: la presenza di uno spazio bimbi dove i bambini sono intrattenuti da personale specializzato e fatti giocare in relazione all’arte; uno spazio workshop, dove vengono offerte dimostrazioni sulle tecniche artistiche rivolte agli adulti, una wrapping station dove chi acquista un’opera può farla imballare gratuitamente da una società specializzata, uno spazio giovani talenti provenienti dall’Accademia di Brera e selezionati per le loro potenzialità, che espongono e vendono le proprie opere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>