I’ll be your mirror, Nan Goldin a Città della Pieve

di Micol Di Veroli Commenta

Venerdì 10 Giugno alle ore 21,00 il Giardino dei Lauri ed il Comune di Città della Pieve presentano il documentario sullla vita di Nan GoldinI’ll be your mirror” al Teatro degli Avvalorati di Città della Pieve. I’ll be your mirror”, breve film prodotto dalla BBC nel 1995, è ancora oggi considerato uno dei documenti più articolati e precisi sulla storia personale e sul lavoro dell’artista statunitense Nan Goldin, che ne curò personalmente la regia, in collaborazione con l’amico di sempre David Armstrong e il documentarista inglese Edmund Coulthard.

La pellicola ricostruisce l’intera carriera dell’artista, dai suoi esordi nei primi anni ’70 fino alla metà degli anni ’90, periodo in cui si affaccerà potentemente sulla scena artistica internazionale, proponendosi come una delle figure più influenti in ambito fotografico e non solo. A quegli anni, infatti, risale la sua prima importante retrospettiva di mezza carriera, ospitata dal Withney Museum of American Art, mostra che la consacrerà definitivamente sulla scena contemporanea, garantendole una popolarità di pubblico e critica che ancora oggi non ha eguali tra gli artisti viventi. Il film può essere considerato come una sorta di riuscito prolungamento del suo lavoro, fondato com’è sulla viva voce degli amici più intimi e dei protagonisti dei suoi scatti più celebri, conservando in ciò una rara freschezza di documento di vita e di dialogo sincero tra le parti.  Bruce Balboni, David Armstrong, Greer Langkton e molti altri raccontano in dettaglio e con un’umanità sorprendente la loro amicizia con l’artista, permettendoci uno sguardo disincantato e realistico dietro le quinte dell’opera d’arte, sguardo spesso giocato su toni volutamente sentimentali e malinconici.

“I’ll be your mirror” è un’opera di Nan Goldin a tutti gli effetti, e della Goldin conserva l’ironia e il romanticismo, trasportandoci in un’epoca conflittuale e drammatica. Nan stessa, come una sorta di Virgilio moderno, ci accompagna passo passo dai suoi esordi bostoniani alla esuberante New York degli anni ’70 e ’80, ci racconta in prima persona il dramma di un’intera generazione segnata dall’AIDS e dalla droga e ci accompagna tra le pieghe della controcultura giovanile di quegli anni, tra abusi, illusioni, grandi sogni e altrettanto grandi sconfitte.

L’opera autobiografica – il cui titolo è preso in prestito dal brano di Lou Reed – combinando riprese video e fotografie, racconti e interviste, come un diario immerge gli spettatori nei colori tenui che contraddistinguono il lavoro della Goldin, facendoli partecipi di un lungo e doloroso viaggio che ha sullo sfondo le musiche di The Velvet Underground, Patti Smith, Television e Eartha Kit. È un breve film dal valore straordinario di documento intimo, utile più di tante parole nel restituirci la vita e il pensiero di un grande artista, ma anche il nitido ritratto di una generazione e la temperie e i fermenti di un’intera epoca, a noi così vicina, ma al tempo stesso così lontana nei modi e nelle energie intellettuali in gioco.

Lo struggente ritratto della vita e dell’opera di Nan Goldin è stato presentato al Festival Internazionale di Edimburgo e al Berlino Film Festival e ha vinto il Premio Speciale della Giuria al Prix Italia e il Premio come Miglior Documentario al Montreal Festival of Films and Art.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>