Short stories 13 – Earth laughs in flowers

di Sibilla Zandonini Commenta

CHI: David LaChapelle nasce nel 1963 a Fairfield in Connecticut, fotografo di fama mondiale e regista, negli anni ’80 viene introdotto da Andy Warhol al mondo dell’editoria di moda scattando fotografie per il suo Inteview magazine. E tra riviste patinate, hollywood, attori e starlet David non se la passa male fino al 2006, quando decide di smettere con gli editoriali, il motivo -dice lui- è che la sua creatività richiedeva spazio mentre le redazioni di moda frenavano il suo estro per paura di incomprensioni col pubblico. Tra gli anni ’80 e il 2000 ha ritratto con il suo stile barocco, eccentrico e irriverente i maggiori divi del cinema e della musica, incarnando in qualche modo quell’epoca di eccessi e decadenza assieme.

DOVE: Robilant+Voena – Milano, Londra, Saint Moritz

QUANDO: 16 febbraio – 24 marzo 2012

COSA: Ritiratosi a Maui, Hawaii, per dedicarsi all’arte presenta dieci grosse stampe fotografiche realizzati tra il 2008 e il 2011, spacciandole per nature morte. In realtà sotto quei grossi mazzi di fiori c’è un mondo intero illuminato da un chiaroscuro fiammingo. Giocattoli, caramelle, cellulari, riviste, statuette, palloncini, elementi iper-moderni incastonati in questi fermi immagine talmente studiati da sembrare dipinti. È il suo sguardo disincantato sul mondo moderno consumista e tetro, ma tentatore.

PERCHÈ: Lo stile è riconoscibile, può piacere o meno. Le sue fotografie sono esageratamente patinate, furbe, fredde e kitch, ma al contempo sono un trionfo di sensi, ammiccanti e in fondo rassicuranti. Si, un po’ come affondare i denti in una fetta di Sacher Torte, dolci e amare assieme appagano i sensi. Certo i servizi che lo han reso celebre raccontavano perfettamente l’epoca d’oro dell’immagine, dell’ostentazione, con un occhio critico veicolato da ironia ed erotismo divertito andando a creare paesaggi stralunati e situazioni surreali. Oggi quella verve e quella capacità di svelare i lati oscuri sembra scemata, per approdare in più facili letture della realtà. I tempi son cambiati dunque e bisogna ammettere che la natura morta seicentesca è tornata alla ribalta, complici grafici hipster e stilisti, così, mentre attendiamo che passi di moda (sperando sia sintomo di nuova rinascita), lasciamoci rassicurare dal fascino dark di un vecchio amico.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>