identik.IT – identità italiane in video

di Micol Di Veroli Commenta

Il collettivo curatoriale Guntumolani è lieto di presentare le opere vincitrici del concorso d’arte video Identik.IT, nato per valorizzare giovani talenti emergenti e promuovere una riflessione sul tema dell’identità italiana. La mostra, che avrà luogo dal 19 al 28 aprile presso gli spazi di The Gallery Apart a Roma, è il primo di tre appuntamenti di un progetto espositivo itinerante dislocato sul territorio nazionale che vedrà il coinvolgimento anche delle sedi di Careof a Milano e della Fondazione Morra a Napoli.

Una giuria di esperti ha premiato Secret Lives di gruppoGruppo, S.P.Q.T. – Memorie Tiburtine di Jacopo Natoli, Fratelli d’Italia l’Italia si è persa di Gloria Pasotti, per l’attenta analisi di territorio, lingua, cultura e tradizioni nazionali, quali fattori chiave di un processo in trasformazione che ha origine dall’incontro con l’altro. Secret Lives di gruppoGruppo è un trittico dedicato ai compositori italiani Luciano Berio, Franco Donatoni e Bruno Maderna. Grazie alla manipolazione e commistione di immagini e brani tratti dai repertori dei tre musicisti, Sinfonia per Berio, Hot per Donatoni e Venetian journal per Maderna, prendono vita variabili sonore, strutture cellulari, paesaggi possibili.
In S.P.Q.T – Memorie Tiburtine Jacopo Natoli esplora paesaggi urbani che paiono sospesi sul bordo di un ricordo. Ad affiorare compiutamente alla mente dell’autore è un repertorio di memorie dove la storia che si racconta viene rivelata a poco a poco decifrando ogni segno. Vademecum sono i versi del poeta tiburtino Fiorenzo Cialone in Lu riò, i cui scorci ispirano le suggestive riprese del video-artista romano in un sodalizio di rara coerenza: “[…] Conoscio tutti quanti li cantuni,/le strate, le scalette e lli portuni,/li sò girati tutti a pparmu a pparmu,/li vardo e me l’aggusto carmu carmu.”

Per Gloria Pasotti l’inno nazionale Fratelli d’Italia, scritto da Goffredo Mameli e musicato da Michele Novaro nel 1847, è non solo il simbolo dell’unità italiana, ma spunto di riflessione sul senso d’appartenenza allo Stato italiano e sul significato stesso di un’identità che rifiuta di lasciarsi delimitare, circoscrivere, etichettare. In Fratelli d’Italia l’Italia si è persa, il canto spezzato dell’autrice che si propaga alterato nell’acqua, è metafora di un “dire spaccato”, di un io ed un Paese che s’incontrano e si fondono nella ricerca del sé.

GruppoGruppo è un collettivo italo-svedese composto da Fabio Monni ed Alessandro Perini. Artisti multimediali, performer e compositori di musica elettronica vantano innumerevoli premi e partecipazioni internazionali in Italia, Danimarca, Olanda, Svezia, Svizzera. Loro opere sono state presentate presso la Biennale di Venezia, Connect Festival, European Organ Festival, Interference, Tec Art Eco Festival.

Nato a Roma nel 1985, fiorentino d’adozione, Jacopo Natoli dopo il diploma in pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, ha completato il proprio percorso di studi presso il Chelsea College of Art and Design di Londra. Ha all’attivo numerose esposizioni in Italia e all’estero, tra cui ricordiamo Roma, Tivoli, Firenze, Londra, nonché significative esperienze di collaborazione con Simon Fujiwara (2010) e Fedor Pavlov-Andreevich (2009).

Gloria Pasotti, nata nel 1987 a Brescia, dove si è laureata in Lettere e Filosofia, attualmente vive e lavora a Milano, allieva del biennio specialistico in Fotografia dell’Accademia di Brera. La fotografia è per la giovane artista un percorso alla ricerca del proprio sguardo e dell’istante in cui esso si incontra con le cose, strumento di narrazione e creazione di realtà nuove. Dopo
aver partecipato ad alcuni workshop con autori internazionali quali Olivo Barbieri, Gea Casolaro, Cesare Pietroiusti, Franco Vaccari, lo scorso anno ha esposto presso la Fabbrica del Vapore a Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>