Charles Saatchi lancia il progetto 100 Curators in 100 days

di Micol Di Veroli Commenta

Charles Saatchi non è certo un tipo a corto di risorse e di idee. L’inventore della Young British Artists generation e, di conseguenza, il primo “papà” di Damien Hirst, Tracey Emin e compagnia cantante ha deciso di organizzare un evento senza precedenti sulla sua piattaforma online, che fra l’altro si appresta a festeggiare il suo sesto anno di vita.

Questa settimana Saatchi Online lancerà il progetto 100 Curators in 100 days, pensato dal nuovo capo esecutivo Margo Spiritus. Il progetto è semplice, 1000 curatori provenienti da ogni parte del mondo selezionano ognuno 10 artisti da mostrare sul sito per un intero giorno. I 1000 artisti partecipanti sono stati scelti tra i 60.000 presenti sul sito. Secondo Margo Spiritus: “100 curators in 100 days è esattamente in pieno spirito Saatchi, la nostra piattaforma mira a scoprire nuovi talenti e se a presentarli sono celebri curatori, tanto di guadagnato”. Al progetto hanno infatti aderito esperti dall’Hirschorn Museum, del SFMoMa di San Francisco, dal Palais de Tokyo di Parigi e dal Kunsthalle di Vienna, oltre che un nutrito drappello di curatori indipendenti. Il progetto si preannuncia decisamente interessante ma il pericolo è che finisca come tutte le attività lanciate da Charles Sattchi e cioè in un ritorno di immagine unicamente per il suo brand.

Circa un anno fa, Saatchi Online ha lanciato un programma di e-commerce che permette ai giovani artisti ospitati sulla piattaforma di uploadare il proprio lavoro e metterlo in vendita ad un prezzo da loro stabilito. In caso di vendita gli artisti guadagnano il 70%. Si tratta dell’ormai tristemente famoso fenomeno della “coda lunga” ed il nostro volpone Saatchi sa bene come sfruttarlo. Se si ha a disposizione una scuderia di 10.000 artisti basta che ognuno di loro venda anche solo un’opera all’anno per guadagnare delle cifre assai interessanti. Gli artisti rimangono così squattrinati mentre Charles Saatchi diventa sempre più ricco, facile no?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>