John Seward Johnson Jr. e l’arte per tutti

di Redazione 1

Forse il nome John Seward Johnson Jr. non vi dice nulla, eppure questo non più giovane artista americano da diversi anni riempie le piazze delle città di tutto il mondo con statue in bronzo raffiguranti gente comune indaffarata nelle attività quotidiane come un padre che insegna al figlio ad andare in bicicletta ed un uomo seduto sulla panchina di un parco intento a leggere il giornale.

Tali opere sono eseguite tramite un elaborato software che trasforma le immagini bidimensionali in modelli, i quali vengono poi letteralmente stampati in tre dimensioni da una macchina collegata al computer. A dispetto della sua celebrità negli Stati Uniti (la sua mostra alla Corcoran Gallery of Art del 2003 ha attirato una folla oceanica di persone) l’arte di Seward Johnson Jr. non è molto amata dalla critica, questo perchè l’artista solitamente riproduce statue di dipinti celebri come Déjeuner Déjá Vu, copia tridimensionale dell’opera di Édouard Manet, Le déjeuner sur l’herbe. Ultimamente l’artista ha prodotto un’opera dal titolo God Bless America piazzandola sulla Michigan Avenue di Chicago. L’enorme statua è in realtà una riproduzione del famoso dipinto American Gothic di Grant Wood. Certo tale opera non è frutto dell’ingegno di Seward Johnson Jr. e non può essere additata come esempio di arte sperimentale. Eppure questa enorme e per certi versi buffa scultura che sembra uscita da Disneyland ha qualche lato positivo.

A dispetto della sua bassa valenza artistica le persone sembrano gradire l’opera e formano capannelli per ammirarla, fotografarla o semplicemente sorridere mentre frettolosamente la incontrano. Questo è quello che si chiede ad un opera d’arte pubblica, ogni monumento cittadino dovrebbe essere notato, apprezzato ed in qualche modo dovrebbe provocare una riflessione su ciò che rende originale un’opera d’arte.

Nella sua sgangherata aura fumettistica God Bless America ci ricorda che l’arte pubblica potrebbe avvicinare la gente ed in special modo i bambini all’arte ed incoraggiarli a visitare un museo. Purtroppo le decine di incomprensibili e volgari monumenti cittadini sparsi in tutto il territorio italico con la loro insulsa pretestuosità sono ancor più lontani dall’arte di quest’opera di Seward Johnson Jr. e non credo invoglino le persone ad avvicinarsi ad un museo, casomai potrebbero farle scappare inorridite.

Photo Copyright: John Picken

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>