leonardo.it

Quando la musica sperimentale non ha più niente da sperimentare

 
Micol Di Veroli
7 dicembre 2010
1 commento

Non so a voi ma a me queste mostre d’arte contemporanea corredate da mini-set di “musica sperimentale” hanno un poco stufato. Mettiamo bene le cose in chiaro, la scrivente è un’amante della vera musica sperimentale, dai rumori di Luigi Russolo, ai brusii elettronici di Edgard Varese, passando per i quartetti di elicotteri di Karlheinz Stockhausen. Inutile negare poi che proprio un compositore sperimentale come John Cage abbia influenzato schiere di artisti visivi da Robert Rauschenberg e Jasper Johns in poi.

Permettetemi inoltre di citare l’immancabile Brian Eno, oramai artista visivo di grande caratura. Insomma come devo dirvelo a me la musica sperimentale piace, il problema è che questi esempi ostentati sempre più spesso dalle gallerie d’arte a la mode, di sperimentale non hanno più nulla. Ci si imbatte sempre più spesso in pseudo musicisti finto-spettinato-cool che armeggiano da bimboscemi con i loro Mac collegati a valanghe di multieffetti e pedali. Altri invece tartassano lamiere ed affini o si affannano con i loro Game Boy nella speranza di tirar fuori qualche suono 8 bit che va tanto di moda. Quel che vedo è solamente un manierismo eccessivo coadiuvato dalle più moderne tecniche elettroniche che niente ha a che vedere con gli strumenti analogici e le brillanti scoperte concettuali di un tempo. Suoni più caldi e tondi e la difficoltà di tirar fuori musica da un concetto e da mille levette e potenziometri, questo decisamente manca ed atteggiarsi a novelli Einsturzende Neubauten non migliora la situazione.

Al ragazzetto finto-spettinato-cool basta mettere una base sul suo Mac (rigorosamente portatile) e poi armeggiare con in suoi effettini digitali. Questo spettacolo la galleria d’arte ce lo rivende come musica d’avanguardia e c’è anche chi ci crede, forse perché non ha mai visto (o per meglio dire, ascoltato) nulla del genere. Ed è proprio questa “la nota dolente” (permettetemi il gioco di parole): la disonestà culturale con il quale vengono ostentate certe proposte nate già vetuste.

Articoli Correlati
YARPP
Siamo spiacenti ma al momento non esistono articoli correlati per Quando la musica sperimentale non ha più niente da sperimentare.
Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento