Committenze contemporanee, Hans Op de Beeck e Correggio

di Redazione Commenta

Spread the love

Terzo appuntamento di Committenze Contemporanee, progetto nato nel 2007 dove si vuole associare ad ogni mostra dedicata ad un artista del passato l’opera originale di un artista contemporaneo, commissionata dalla Galleria Borghese in accordo e con il sostegno di UniCredit Group e del Maxxi di Roma. Il 28 maggio presso l’Uccelliera di Villa Borghese sarà la volta dell’artista belga Hans Op de Beeck che si confronterà con l’opera del grande artista parmense Correggio.

La mostra In silenziosa conversazione con Correggio, curata da Laura Barreca si traduce in due serie di grandi acquarelli in bianco e nero, realizzati appositamente per l’occasione che parlano dell’aspetto più melanconico, intimista e sensuale dell’opera del maestro tardo rinascimentale.

Sebbene l’approccio di Op de Beeck sia multidisciplinare, lo spirito del suo lavoro è radicato nella pittura figurativa. Attraverso libere associazioni e l’uso della fotografia Op de Beeck isola, traspone e astrae dai dipinti del Correggio figure, ambientazioni, oggetti, dettagli sintetizzandoli in nuove composizioni.

La scelta di realizzare acquerelli in bianco e nero come punto di partenza formale nasce da ciò che ha maggiormente colpito Op de Beeck delle immagini di Correggio: non i soggetti che, come molti dei suoi contemporanei, sono tratti dall’immaginario mitologico e biblico, né il dinamismo delle forme o la ricchezza dei cromatismi. Ciò che ha attratto Op de Beeck è una sorta di melanconia silenziosa, dolce e sensuale che attraversa la produzione del Maestro del Rinascimento, tratto che intende far emergere nella sua installazione.

Come i progetti di Vedovamazzei (si confrontava con Raffaello nel 2007) e di Giulio Paolini (si confrontava con Canova nel 2008), anche l’installazione di Hans Op de Beeck verrà acquisita da Unicredit Group e lasciata in comodato a lungo termine al MAXXI, favorendone così la pubblica fruizione e ponendo le basi per la costituzione di un nuovo nucleo coerente di opere nella collezione del Museo.

In questo modo Unicredit, attraverso UniCredit & Art presieduta da Walter Guadagnini, Luca Massimo Barbero, Lóránd Hegyi, Graziella Buontempo Lonardi e Angelika Nollert, sostiene la ricerca artistica e propone un collezionismo istituzionale sensibile alla sperimentazione e volto alla promozione e diffusione di linguaggi contemporanei, senza dimenticare il fondamentale confronto con il patrimonio culturale del passato e quindi il valore della nostra identità culturale.

Photo Copyright: Hans Op De Beeck

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>