Sarah Morris al Mambo di Bologna

di Micol Di Veroli Commenta

Il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna ha inaugurato il 25 maggio la prima mostra personale in un museo italiano di Sarah Morris e di ospitare la première internazionale del suo nuovo film: Beijing.

Nel corso degli anni Novanta, Sarah Morris ha raggiunto la notorietà grazie a dipinti e film caratterizzati da un approccio strutturale astratto e complesso, nei quali traccia tipologie urbane e sociali. Gli ambienti urbani, i motivi architettonici, i simboli, i luoghi e le rappresentazioni del potere sono oggetto di un’indagine ravvicinata che affascina il fruitore dell’opera in un’alternanza di finzione e realtà.

Tale esplorazione si rivolge sia alla psicologia della città contemporanea che alla sua politica codificata architettonicamente, nel tentativo di comprendere come un momento particolare possa essere racchiuso e quasi impresso sulle superfici visive. In tal modo l’artista cerca di determinare ciò che, al giorno d’oggi, le facciate, i sistemi urbani, le città e le nazioni possono celare, studiando i meccanismi del potere, delle strutture di controllo, delle reti socio-politiche globali. Beijing, un film di 86 minuti in 35mm, è incentrato su un evento che ha avuto la massima visibilità in tutto il mondo ed è tra i più intricati e ambigui degli ultimi anni: i Giochi Olimpici del 2008 a Pechino.

L’economia e le autorità cinesi analizzati nel film, con le loro contraddizioni e pressioni, trovano un’eco ancora maggiore nell’attuale clima di crisi globale. Proseguendo l’indagine di Sarah Morris sullo spazio psicologico e politico dell’architettura e della città in evoluzione, Beijing si addentra nello spettacolo delle giornate prima, durante e dopo le Olimpiadi.

La mostra China 9, Liberty 37 – titolo in inglese di un film western italiano/spagnolo del 1978 (Amore, piombo e furore) – comprende, oltre a Beijing, undici dipinti e un imponente wall painting creato specificamente dall’artista per gli spazi del MAMbo. L’allestimento accosta opere di Sarah Morris appartenenti alle serie Origami e Rings. Le prime si ispirano ai diagrammi schematici di piegatura delle tradizionali composizioni cartacee orientali, che danno vita a forme complesse attraverso un processo solo apparentemente semplice. Nella cultura popolare, inoltre, il concetto di origami è spesso utilizzato come metafora di eventi imminenti. I lavori della serie Rings, invece, traggono i titoli dalle date dei Giochi Olimpici e dalle corrispondenti città e, oltre all’analogia con i cinque cerchi della bandiera olimpica, rappresentano gli infiniti sistemi delle “Ring Roads” di Pechino, che finiscono per condurre al disorientamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>