Jean Cocteau ispira i giovani artisti alla GAM di Torino

di Redazione Commenta

Spread the love

 La GAM-Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino ha invitato FormContent, un gruppo di giovani curatori formato da Francesco Pedraglio, Caterina Riva e Pieternel Vermoortel, a ideare una mostra per gli spazi del museo, chiedendo loro di intrecciare la particolare pratica curatoriale propria di un approccio indipendente e sin qui espressa in spazi no-profit, al linguaggio istituzionale.

FormContent ha infatti sviluppato negli anni un modus operandi che si discosta dalle classiche pratiche espositive proprie di una grande istituzione museale, portando il pubblico a ripensare il concetto di mostra instaurando un dialogo aperto tra i curatori, gli artisti, lo spazio espositivo e le opere stesse. Ne scaturisce un progetto inedito che in qualche modo anticipa i cambiamenti espositivi elaborati dalla GAM per la nuova stagione.

Il titolo della mostra I giovani che visitano le nostre rovine non vi vedono che uno stile è tratto da un pensiero di Jean Cocteau. La mostra presenta una nutrita scelta di artisti dell’ultima generazione (nati tra gli anni ’70 e gli anni ’80). Le loro opere sono messe in relazione con i lavori di alcuni maestri del ‘900, dalle collezioni della GAM. Si darà conto di alcune tra le più rappresentative ricerche artistiche di questi ultimi anni, presentate nelle loro molteplici relazioni con l’arte dei decenni precedenti. Alcuni tra i giovani artisti selezionati, come Clément Rodzielski, Florian Roithmayr, Michael Dean, Vanessa Billy, Isabelle Cornaro, Thomas Hauseago, Salvatore Arancio, Andrea Büttner, Francesco Barocco, Steven Claydon, vengono presentati per la prima volta in Italia in uno spazio pubblico.

Felice Casorati, Dadamaino, Giuseppe Penone, Sol Lewitt, Richard Serra e Giulio Paolini sono alcuni dei maestri con cui l’ultima generazione si trova a confrontarsi. La compresenza di opere storiche e contemporanee renderà evidente la molteplicità di forme con cui il tempo presente intesse la trama dei propri riferimenti storici. Il tentativo è quello di porre in relazione due linguaggi espressivi differenti attraverso diverse retoriche espositive, con l’obiettivo di illustrare lo sviluppo di alcune idee teoriche, declinate in diverse generazioni di artisti.

Photo Copyright: francesco Baroccco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>