L’ultimo delirio di David Lachapelle

di Redazione Commenta

I festeggiamenti per i primi 15 anni di vita del MUSA museo de las arte de la universidad di Guadalajara non potevano andare meglio di così. Il 2 settembre infatti il museo inaugurerà Delirios de razón/Delirium of reason, grande mostra personale del celebre ed osannato fotografo statunitense David Lachapelle.

L’evento precedentemente è stato ospitato dal Colegio de San Ildefonso di Città del Messico raggiungendo la cifra record di 130 mila visite.  Il fotografo sarà presente all’inaugurazione accompagnato probabilmente dalla sua musa di silicone, la modella transessuale Amanda Lepore.  In suo onore il Musa ha organizzato una grande festa e numerosi eventi collaterali a cui parteciperanno anche gli studenti universitari del luogo.  La prima presenza in assoluto del Fellini della Fotografia nella città spagnola sarà celebrata con ben 64 fotografie che rappresentano un importante compendio dell’opera di Lachapelle dal 1995 al 2008 .Tra le foto presenti in mostra sarà quindi possibile scoprire tutti i tratti distintivi del celebre fotografo come lo sfrenato e surreale barocchismo impreziosito da dettagli pseudo religiosi a tinte forti.

Ultimamente intervistato in occasione dell’evento il fotografo ha dichiarato: “Viviamo in tempi estremamente confusi dove regna l’ansia. In questa situazione la gente guarda all’arte contemporanea come una sorta di illuminazione”.

Ma la mostra a Guadalajara non è l’unica novità sulle peripezie del nostro beniamino. David Lachapelle ha infatti firmato la copertina di giugno della famosa rivista musicale americana Rolling Stone, vera e propria bibbia degli amanti del pop e del rock di tutto il mondo. L’estroso fotografo ha ritratto la nuova eroina del pop Lady Gaga completamente nuda con bolle di sapone rosa che volano sul suo corpo a coprire i punti caldi. Insomma da una rockstar così trasgressiva ed un fotografo di pari livello non ci si poteva certo aspettare un ritratto da prima comunione.

Photo Copyright: Lady Gaga, David Lachapelle e Rolling Stone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>