Girls – Album

di Manfred Rur Commenta

Album ( semplicemente ), il debutto dei Girls propone vecchie atmosfere e vecchie sonorità che riaffiorano. Un tot di Beach Boys ed un tot di lo-fi e anche se tante cose sembrano già sentite la loro sporcizia unita alla disincantata voce di Christopher Owens. Si ritrova la semplicità di canzoni fatte con poco, con ritmi scassati a volte tristi come Hellhole Ratrace, a volte tristemente divertenti come God Damned e Lust For Life il cui video scomoda irriverentemente l’ingombrante ombra di Bob Dylan. C’è spazio anche per un breve revival shoegaze con Morning Light. Buffi, ciarlatani e sognanti questi Girls ci piacciono alquanto e tutte le loro trovate sgangherate funzionano alla grande. Bellissimi impostori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>