Devendra Banhart – What Will We Be

di Redazione Commenta

Spread the love

Cosa è successo a Devendra Banhart? che cavolo è capitato a colui che è stato additato come il figlio naturale di Van Morrison, John Lennon, e Jeff Buckley (spero non tutti messi assieme)? non possiamo saperlo noi comuni mortali. Il delicato principino del lo-fi creatore del piccolo capolavoro Rejoicing in the Hands ha osato troppo con questo What Will We Be, ha tentato di buggeraci e farci credere che un suo disco può funzionare anche senza la sua chitarra acustica, basta mischiare stili e generi diversi. Ed invece si è sbagliato perchè What Will We Be è un disco di musichetta senza senso, da radio commerciale per intenderci o da sottofondo del supermercato. 16th & Valencia, Roxy Music è una canzonetta folk-disco e nulla più. Angelika ci catapulta dal bluegrass al samba senza chiederci scusa mentre Rats sembra una canzone dei Led Zeppelin e Foolin unisce incredibilmente il reggae con i Beatles. Roba da matti, che Banhart fosse un eclettico lo sapevamo già ma senza queste cadute di stile. Inutile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>