Neon Campobase mette in gioco se stessa con un’asta

di Redazione Commenta

Spread the love

Very late at night si presenta come una mostra stratigrafica, una mostra-scavo in cui verranno organizzate ed esposte al pubblico opere-reperti estratti dal magazzino Neon Campobase di Bologna. Un magazzino che non custodisce tesori ma testimonianze di una storia lunga complessa ricca e avventurosa fatta di incontri e di collaborazioni.

Saranno esposti lavori di Sergia Avveduti, Maurizio Cattelan, Gianluca Codeghini, Cuoghi Corsello, Nico Dockx, Emilio Fantin, M+M, Eva Marisaldi, Maurizio Mercuri, Giancarlo Norese, Paolo Parisi, Alessandro Pessoli, Marco Samorè, Alessandra Tesi, Luca Trevisani, Diego Tonus, Maurizio Vetrugno, Luca Vitone, non necessariamente tutti nello stesso momento ma certo nel corso delle tre settimane in cui il progetto resterà aperto e disponibile al pubblico.Nel corso di queste tre settimane, dal 28 novembre al 19 dicembre, Very late at night riceverà numerosi ospiti invitati a intervenire e a portare un contributo partendo da una sollecitazione legata a una riflessione sulla specificità di Neon e sulla situazione attuale della ricerca, per contestualizzare la vicenda di Neon rispetto alle dinamiche delle vicende artistiche nel corso di questi anni. Hanno confermato la loro presenza: Renato Barilli, Roberto Calari, Roberto Daolio, Silvia Evangelisti, Mauro Felicori, Andrea Lissoni, Marcorea Malià, Pierfrancesco Pacoda, Roberto Pinto.

Naturalmente in questo periodo proseguirà la consueta programmazione di Playlist e di neon>focus con Bugo, Antonio Arevalo, Francesca Referza, Caterina Riva, Francesca Boenzi, Cesare Pietroiusti, Marinella Senatore, Anna Valeria Borsari, Saretto Cincinelli.

E ancora la presentazione della ricerca We Love Magazines di Saul Marcadent: un pomeriggio-studio, articolato in due tavole rotonde, per parlare di editoria indipendente in Italia e per provare a tracciare una mappatura del contesto attuale, con la partecipazione di Vittore Baroni, Carlo Branzaglia, Martina Ganino, Federica Boràgina e Giulia Brivio, Antonino Bove, Camilla Candida Donzella, Cristiano Guerri, Invernomuto.

Very late at night si concluderà sabato 19 dicembre con un’asta in cui saranno poste in vendita insieme con le opere in mostra anche opere di altri artisti che hanno collaborato con Neon: il ricavato andrà a sostenere il lavoro di neon>campobase.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>