Con David Lynch e Marilyn Manson la Kunsthalle di Vienna si tinge di nero

di Micol Di Veroli Commenta

Genealogies manson lynch

La Kunsthalle di Vienna si prepara ad accogliere una delle mostre più bizarre ed affascinanti della stagione. Si tratta di una doppia personale dal sapore gotico ed oscuro dove saranno esposti allucinati ed allucinanti lavori della pop star Marilyn Manson e del grande regista David Lynch. I due celebri personaggi non sono nuovi nel mondo dell’arte contemporanea visto che tutti e due coltivano da numerosi anni l’interesse per la pittura e la fotografia.

Manson e Lynch sono inoltre accomunati da una reciproca stima ed il cantante ha persino partecipato al Thriller psicologico Lost Highway – Strade Perdute (in quel film Manson interpretava una porno star), uscito nell’ormai lontano 1997 e salutato come uno dei più intricati e meravigliosi film del regista. Genealogies of Pain (genealogie del dolore) è il titolo di questo incredibile evento che si aprirà il prossimo 30 giugno e sarà visibile sino al 12 luglio 2010. Alla mostra il mefistofelico Manson presenterà i suoi dipinti a tinte forti che in prevalenza raffigurano volti avvinti dalla disperazione, dallo smarrimento o dal dolore. Lynch invece contribuirà con una serie di cortometraggi che forniranno una sorta di appoggio estetico ai dipinti dell’agguerrito rocker. C’è da dire che Lynch è un profondo conoscitore delle scienze occulte e gestisce un centro per bambini dove si pratica la meditazione trascendentale. Il regista è inoltre fan di Manson ed ha scritto per lui una bellissima introduzione ad una autobiografia intitolata The Long Hard Road Out Of Hell (la lunga e dura strada per uscire dall’inferno) uscita nel 1999.

Oltre ad essere amati dal pubblico per le loro opere filmiche e musicali, Manson e Lynch hanno ormai un considerevole seguito di estimatori e collezionisti anche nall’ambito dell’arte contemporanea. Lynch ha già molte mostre in gallerie prestigiose al suo attivo mentre Manson ha praticamente venduto oltre ogni più rosea aspettativa ad Art Basel 2010. La sua dealer, Brigette Schenk ha una lunga lista d’attesa per i dipinti del singer che attualmente si aggirano attorno ai 53.000 – 133.000 dollari al pezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>